Il Sindaco Errante, unitamente all’assessore alla Pubblica Istruzione, Avv. Giusy Etiopia, rende noto che sono state rimodulate le fasce di reddito per l’accesso al servizio mensa scolastica per tutte le scuole cittadine

Pur tra mille problemi a volte incompresi dalla cittadinanza siamo riusciti a preservare un servizio, fino alla fine dell’anno scolastico in corso, che in moltissimi comuni ormai non viene più effettuato a causa delle grandissime difficoltà economiche degli enti locali, dovuto per lo più ai drastici tagli dei trasferimenti statali e regionali- ha affermato il Sindaco-

Siamo riusciti anche ad ampliare le fasce di esenzione per venire incontro alle tante famiglie in difficoltà, con un alleggerimento dei costi per i nostri concittadini ed in un momento come quello che stiamo attraversando, riuscire a garantire i servizi ed alleggerire i costi per le famiglie è segnale inequivocabile di buona amministrazione e di vicinanza alle esigenze delle famiglie più in difficoltà nella nostra città.”

Nel dettaglio per le scuole dell’infanzia, che assicureranno il servizio per cinque giorni alla settimana, le tariffe saranno gratuite per coloro che hanno un indicatore ISEE fino a 3.000 euro, prima era fino a 2.000 euro, con un intervento comunale pari al 100% della copertura delle spese, da euro 3.000 fino a 6.000, il contributo comunale sarà del 75%, da 6.000 a 9.000 euro, il contributo comunale sarà pari al 50%, da 9.000 a 12.000 euro, il contributo comunale sarà pari al 25%, da 12.000 a 15.000 il ticket si pagherà integralmente.

Per le scuole secondarie che assicureranno il servizio per due giorni alla settimana, in occasione dei rientri pomeridiani, le tariffe saranno gratuite per coloro che hanno un indicatore ISEE fino a 2.000 euro. Sono previste esenzioni totali per alunni portatori di disabilità accertata, per alunni in affidamento temporaneo presso famiglie o presso comunità alloggio per minori e per alunni il cui nucleo familiare presenti una situazione socio-economica segnalata dai Servizi Sociali operanti presso le strutture pubbliche territoriali.