Il pubblico del Teatro Selinus, stracolmo in ogni ordine di posti, ha tributato, in piedi, un calorosissimo applauso alla struggente messa in scena di “Conseguenze dell’amore” del regista Castelvetranese Giacomo Bonagiuso.

L’opera è un omaggio al capolavoro cinematografico del premio Oscar Paolo Sorrentino. Uno spettacolo intenso, duro, spigoloso, pieno di veri e propri atti di coraggio scenici e narrativi, quello a cui ha potuto assistere il pubblico accorso numeroso in teatro giorno 30.

Clicca qui per TUTTE LE FOTO di Giacomo Moceri
Teatro Selinus

Un cast davvero strepitoso ha restituito la magia di questo singolare allestimento teatrale, che ha anche omaggiato Ivano Fossati restituendone in scena diversi brani. Massimo Pastore nei panni di Titta, il protagonista, ha incantato gli spettatori con misura e garbo.

Splendida Enza Valentina Di Piazza la cui performance nei panni di Sofia è stata una delle rivelazioni del musical: sensuale e struggente, la Di Piazza ha convinto tutti grazie alla sua capacità di sfruttare la platea come secondo palcoscenico. In scena anche Sara Fittante e Giuseppe Indelicato, coppia già sperimentata nell’allestimento del Notre Dame, che ha convincentemente vestito i panni dei due folli amanti. Commovente e malinconico il cameo di Debora Messina, che ha interpretato Giulia, moglie separata di Titta.

Bravissimi, come sempre, Giulia Gucciardo, Martina Calandra, Roberta Accardi, Roberta Marchese, Francesco Pompeano, Giovanni Lamia, Monica Gucciardo, Chiara Calcara, Giordana Firenze e Giuseppe Craparotta (che insieme al Maestro Russo e al giovane Dario Vallone firma gli arrangiamenti musicali).

Una serata di teatro come non se ne vedevano da tempo, al Teatro della Città, che per una sera ha brillato intensamente grazie all’estro di vere e proprie risorse del nostro territorio. Lo spettacolo, vestito da luci eleganti, e da una scena minimale, ha consegnato a tutti un grande messaggio:l’amore porta con sè delle conseguenze. La vita degli uomini cambia in relazione all’amore, al suo trascorrere sull’esistenza. Ciò che non ci dà il coraggio di cambiare radicalmente, non è amore, ma ancora un’ombra dell’inganno.

Clicca qui per TUTTE LE FOTO di Giacomo Moceri
teatro-selinus-2016-102