Si apre una nuova stagione per il neo Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa con “LE FORME DI TELESIS” progetto ispirato al poeta ditirambico, ma anche danzatore, musicista e attore, vissuto tra il V e il IV secolo a.C. a Selinunte . Dal 3 giugno al 2 luglio quattro appuntamenti di musica, coro, teatro e cunto verranno ospitati in quattro diversi “scorci” del Parco per offrire paesaggi inediti : L’Acropoli, il Fuso della Vecchia, la spiaggia di Malophoros, il Baglio Florio – non solo punti su la mappa, ma luoghi straordinari di un unicum di storia e bellezza come Selinunte.

Un’anticipo della prossima stagione estiva che da luglio a settembre “popolerà” il Parco con una programmazione ricca e articolata per proporre Selinunte come grande polo culturale.

Si inizia sabato 3 giugno con una prima assoluta “IL CANTO DEL FINITO e DELL’INFINITO” ispirato al Cantico dei Cantici di Salomone , ideato dalla vocalist Miriam Palma, accompagnata da Gabriele Giannotta alla chitarra e dal Coro del Laboratorio Vocale “Il Corpo della Voce” (Acropoli / Muro a gradoni ). Segue Sabato 17 nell’area del Tempio “G” all’ombra del Fuso della Vecchia , “DONNE” , tragedia e rilettura del mito, ideata e diretta da Francesco R. Vadalà e messa in scena da un ensamble di quindici attori , che propone una drammaturgia caratterizzata dagli archetipi del dramma antico attraverso le figure femminili.

Venerdi 23 sulle sabbie del del Modione – Selinus ,
“TROIANE- CANTO DI FEMMINE MIGRANTI” il dramma delle donne vinte nell’attesa di un
futuro inesistente, da Euripide e Omero, per la regia di Nicola Alberto Orofino, con Egle Doria e Silvio
Laviano . Conclude domenica 2 luglio al Baglio Florio, la grande costruzione ottocentesca, con il
cunto di Salvo Piparo in “GESTA DELL’ORLANDO FURIOSO NARRATE DA BRUNELLO!”
scritto da Salvo Piparo per la regia di Luigi Maria Burruano e le musiche di Marco Betta.

“ … In oltre 250 ettari di Parco ci sono ancora troppe zone marginali alla fruizione come l’area del
Santuario di Demetra Malophoros o l’Agora sulla collina di Manuzza e le stesse Cave di Cusa
, tra le
condizioni per la candidatura a sito UNESCO, risultano quasi sconosciute. … bisogna quindi
necessariamente creare e attivare un sistema di valorizzazione di pregio e diffuso che interessi il Parco
nella sua interezza .. “

CALENDARIO

3 giugno -Acropoli / Muro a gradoni
IL CANTO DEL FINITO e DELL’INFINITO
dal repertorio vocale del Mediterraneo
e dal Cantico dei Cantici di Salomone
di e con Miriam Palma
Gabriele Giannotta chitarra
Coro del Laboratorio Vocale “Il Corpo della Voce”
———————————————
17 giugno Tempio “G” / Fuso della Vecchia
DONNE (variazioni sul mito)
scritto e diretto Francesco R. Vadalà
con Amani Abdel Hadi, Melissa Carluccio,
Gianni Di Giacomo, Claudia Gemelli, Elena Grasso
Francesca Marcaione, Sharon Nicosia, Arianna Rizzo
Nicole Rossitto, Salvatore Sacco, Evelina Saltalamacchia, Paola Scarola
———————————————
23 giugno Area del Modione – Selinus
TROIANE- CANTO DI FEMMINE MIGRANTI
da Euripide e Omero,
elaborazione drammaturgica e regia
Nicola Alberto Orofino
con Egle Doria, Silvio Laviano, Luana Toscano
Alessandra Barbagallo, Lucia Portale, Marta Cirello
———————————————
2 luglio Baglio Florio
GESTA DELL’ORLANDO FURIOSO
NARRATE DA BRUNELLO!
scritto da Salvo Piparo
regia Luigi Maria Burruano
musiche Marco Betta
con Salvo Piparo
Costanza Licata, Irene Maria Salerno, Francesco Cusumano

Ingresso ore 18,00- inizio spettacoli ore 18,30
Biglietto 10 intero /7 ridotto – biglietteria presso il sito – online www.etes.it
info : teatridipietrasicilia.blogspot.it / whatsapp 333 709 7449
/ teatridipietra@gmail.com / FB e Twitter