Giuseppe Fiorello torna su Rai1 come attore protagonista della fiction ‘Gli Orologi del Diavolo’, dal 2 novembre, ogni lunedì, per un totale di 8 puntate (2 a sera). La serie è stata girata tra l’Italia e la Spagna, è ispirata alla storia vera di Gianfranco Franciosi, raccontata dallo stesso, insieme a Federico Ruffo, nell’omonimo libro pubblicato da Rizzoli. «Non aspettatevi la solita fiction – racconta Fiorello – questa storia non ha nulla da invidiare a quelle americane o britanniche tanto osannate dalla critiche: le scene sono mozzafiato, è girata tra Italia e Spagna, è adrenalina pura, i colpi di scena si sprecano».

Tra gli attori principali della serie, diretta da Alessandro Angelini e prodotta da Picomedia anche l’attore castelvetranese Fabrizio Ferracane nei panni di Mario un poliziotto amico del protagonista Marco Merani interpretato da Fiorello. Nel cast ci sono anche Claudia Pandolfi, Alvaro Cervantes e Nicole Grimaudo.

Il protagonista (Marco Merani), interpretato dall’attore siciliano è un motorista nautico che si ritrova improvvisamente coinvolto in una complessa operazione di polizia e a ricoprire il ruolo di infiltrato all’interno di un’organizzazione di trafficanti di droga spagnoli. Dall’Italia alla Spagna, dalla tranquilla provincia nostrana alle isole sudamericane dei narcotrafficanti, dal calore degli affetti familiari alla durezza delle carceri di massima sicurezza, la vita di Marco si sdoppia e il protagonista, costretto a mentire ai suoi affetti, pagherà un prezzo molto alto per aver scelto di fare la cosa giusta.

«Rai fiction prosegue nel suo prezioso lavoro di innovazione portando a casa degli italiani un nuovo titolo: ‘Gli orologi del diavolo’, con la consegna di un ritratto intenso di un uomo che si infiltra in un meccanismo criminale, costruito con chiaroscuri all’interno di un crime appassionante tratto da una storia vera. La vita che cambia, le scelte private che ammettono rinunce dolorose ma sempre perseguendo un’idea di giustizia». Così il direttore di Rai, Stefano Colletta, nell’annunciare la serie.

Credit Foto. Anna Camerlingo