sonia alfanoSonia Alfano ha incontrato la gente di Castelvetrano, davanti alla telecamera di Rai3.

È stato un incontro diverso dai soliti. Si percepiva un’atmosfera positiva, si aveva come l’impressione di trovarsi insieme a costruire qualcosa per cambiare veramente.
Non era mai successo che dei cittadini si mettessero insieme dal basso, formando un movimento politico per partecipare alle elezioni regionali.
Un movimento fatto di persone normali che a volte non sanno neanche come arrivare a fine mese. Altro che gettoni di presenza, sovvenzioni e raccomandazioni.

Sonia non parla il politichese e piace alla gente.
È un fiume in piena, parla di legalità (quella vera), di inceneritori, del ponte sullo stretto, dei voti in vendita.

Parla della Finocchiaro che scrive il suo programma con Salvo Andò, ex ministro arrestato per voto di scambio con il clan Santapaola. E di Lombardo come prosecuzione del governo Cuffaro.
Anche lei ha fatto parte del percorso “Un’altra storia” di Rita Borsellino ed è convinta (non è la sola) che il suo posto non sia nel Pd.

Difende gli amici di Beppe Grillo, spesso accusati di antipolitica:
Sputi, insulti, gente che ingurgita mortadella… e saremmo noi l’antipolitica? Noi siamo anti-politici, anti-questa casta politica”.

Parla anche del grande serbatoio elettorale dei precari, “tenuti col cappio al collo” e mai assunti per evitare di renderli liberi.

Durante l’incontro c’è stato anche un collegamento video con la Germania.
Dallo schermo è intervenuto un giovane ingegnere che si occupa di energie rinnovabili. Ha raccontato di come si sia sentito libero, lontano dalla Sicilia e dalle sue dinamiche lavorative clientelari. Solo all’estero ha avuto la possibilità di lavorare per quello che sa fare, senza chiedere il favore a nessuno.

Chissà se riuscirà a ritornare in Italia. Sonia non abbandona le speranze: “Noi dobbiamo riportarlo qui. Abbiamo bisogno di persone così”.

L’informazione però non dà molto spazio al movimento di Beppe Grillo.
Ho letto un giornale un paio di giorni fa – prosegue Sonia – con un paginone intero per la Finocchiaro e un altro per Lombardo. Noi eravamo a pagina 27, dopo lo sport. Ma è arrivato il momento anche per loro, ci stiamo avvicinando al secondo V-Day del 25 aprile”.

Non ci sono però ricche segreterie di partito, non ci sono associazioni sovvenzionate. In una parola, non ci sono soldi.
Sonia ha chiesto a tutti di contribuire.
È una che non dà soldi per ottenere il voto, anzi li chiede a noi!
Questo è il primo cambiamento.
Basta poco… c’è stato anche chi ha donato 2 euro.
Chi volesse fare la sua donazione può visitare il sito di Sonia ciccando QUI.

Chi invece volesse contribuire all’organizzazione del V2-Day del 25 aprile a Selinunte, non solo con soldi e idee, ma anche mettendo a disposizione il suo operato, può scrivere a staff@500firme.it

Il Meetup “I Grilli di Castelvetrano-Selinunte” è ancora aperto alle vostre iscrizioni. Cominciamo a diventare tanti, e ad avere una coscienza politica impensabile fino a poco tempo fa.

Grazie a tutti coloro che il 15 marzo scorso erano lì con noi e a tutti quelli che si stanno muovendo per cambiare.

CLICCA QUI per guardare tutte le foto.

Egidio Morici
www.500firme.it