Dieci secondi, solo 10, per trasferire i soldi da un conto corrente a un altro. E’ finalmente possibile grazie al bonifico istantaneo. I Paesi nei quali è possibile emettere i bonifici istantanei rientrano nell’area Sepa e sono 34, così suddivisi: 19 Stati che hanno adottato l’euro; 9 che accettano pagamenti in euro; 6 Paesi esterni all’area euro.

In altri Paesi questo tipo di pagamento, grazie al quale il titolare di un conto potrà effettuare un bonifico con accredito su un altro conto in pochi secondi, “esiste già in forme diverse” avevano sottolineato fonti bancarie con l’Adnkronos, ma da domani “sarà armonizzato a livello europeo”.

Pare infatti che tra i giovani del Nord Europa questo strumento venga utilizzato molto, quando devono scambiarsi velocemente dei soldi (ad esempio anche per pagare una cena). Dal punto di vista delle banche questa operazione è più rischiosa – fanno presente le stesse fonti bancarie – visto che il tempo dei controlli (antiriciclaggio e non solo) è minimo.

Unicredit, Intesa San Paolo e Banca Sella sono le banche che offriranno questo servizio in Italia. Il costo per chi ha un conto corrente con Unicredit sarà di 2,50 euro mentre per i correntisti di Banca Sella sarà gratis fino al 31 marzo 2018 (o avrà lo stesso prezzo di un bonifico normale così come previsto dal proprio conto corrente), mentre dal primo aprile costerà 2,30 euro.

Con entrambi gli istituti bancari si potranno trasferire al massimo 15mila euro. Quanto a Intesa San Paolo, il costo sarà di 0,60 centesimi (cioè 4 centesimi per ogni mille euro) che andrà ad aggiungersi al costo del bonifico normale così come previsto dal proprio conto corrente. Anche in questo caso per ora si possono trasferire al massimo 15mila euro: quando più in là non ci sarà più un tetto massimo il costo sarà di 4 centesimi per ogni mille euro trasferiti per un massimo di 20 euro.

fonte. Adnkronos