Continuano i controlli nel settore edile svolti in collaborazione tra i reparti dell’Arma territoriale e il Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, al fine di contrastare il fenomeno del lavoro nero e tutelare la salute dei lavoratori. All’esito degli accessi ispettivi effettuati presso numerosi cantieri edili nei comuni di San Vito Lo Capo e Campobello di Mazara, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà 5 imprenditori.

Più nello specifico, nel corso degli accertamenti sono emerse gravi violazioni delle vigenti normative in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e di contrasto al lavoro irregolare, infatti, i legali rappresentanti deferiti sono stati ritenuti responsabili di non aver: recintato l’accesso ai cantieri, predisposto con opportuni parapetti i lati prospicienti il vuoto, avviato a visita medica i dipendenti non regolarmente assunti, fornito ai lavoratori una adeguata formazione ed informazione su rischi connessi all’attività, consegnato ai dipendenti i dispositivi di protezione individuale, munito i ponteggi metallici di robusti parapetti e tavole fermapiede; fissato correttamente i tavolati piani di calpestio e non aver rimosso materiale ed attrezzature non occorrenti dal piano di calpestio dei ponteggi, inoltre, sono stati individuati complessivamente 7 lavoratori italiani in nero su 16 presenti.

Per tali motivi, oltre ad aver proceduto alla denuncia dei legali responsabili dei cantieri oggetto di controllo, i militari dell’Arma hanno adottato 5 provvedimenti di sospensione di attività imprenditoriale, comminato ammende pari ad euro 28.973,00 e contestato sanzioni amministrative per complessivi euro 42.400,00.

Legione Carabinieri “Sicilia”
Comando Provinciale di Trapani
COMUNICATO STAMPA