Se da un lato l’istituzione della zona rossa sarà un’ottima misura per il contenimento del contagio del Covid-19, dall’altro preoccupa, e non poco, imprenditori e commercianti, che saranno costretti a chiudere. Da qui l’appello di CNA, Confartigianato, Casartigiani e Claai alla Regione. «Artigiani, commercianti ed imprenditori sono sull’orlo di una crisi senza precedenti, rispetto alla quale la Giunta e il Parlamento siciliano hanno il dovere di intervenire mettendo in campo concrete azioni straordinarie finalizzate a tenere in vita le piccole e medie imprese che rappresentano l’ossatura dell’economia della nostra isola», scrivono le 4 sigle sindacali.

Quello che chiedono a gran voce è lo stanziamento di fondi-ristoro: «Oggi, più che mai, è una condizione essenziale di cui la Regione dovrà farsi responsabilmente carico nell’interesse di tutti». Le 4 sigle sindacali chiedono l’istituzione di un Tavolo tecnico per avviare un percorso condiviso con le forze sindacali ed economiche. L’obiettivo è individuare criteri, modalità e risorse da immettere rapidamente a beneficio del circuito produttivo e sociale.