ASCOLTA L'ARTICOLO

È questo un tempo che sconta molto la solitudine relazionale, dopo una pandemia non ancora superata; e mentre la distanza è stata inserita tra le tabelle del valore, e la prossimità tra quelle del disvalore, si è perso molto del filo di senso che legava le generazioni, le persone; gli stimoli sono cambiati, e con essi le priorità della vita. Serve, urge, è necessaria, allora, per un tempo simile, oggi, adesso, una filosofia che aiuti a comprendere, a fare chiarezza, a sbrogliare quesiti troppo intricati, a fornire nuove vie di domanda e nuove strategie di risposta. 

Questa filosofia “pratica”, “del sano intelletto comune”, non è quella che certo mondo accademico ha reso impronunciabile, piena di tecnicismi e sofismi, in grado di allontanare le persone, non consentendo una chiara comprensione dei temi, delle aree di indagine, dei metodi e delle domande. Ma è, invece, una filosofia reale, che abbraccia le cose, i problemi del quotidiano, le sfide, le perplessità mentre si fa carico di analizzare il complesso, mettendo in piano le questioni senza banalizzarle, ma aprendo lo sguardo a vari piani di prospettiva. La filosofia sta nel modo di analisi della realtà, dello spirito, dell’intelletto: nel modo. Non nel gergo, nella nomenclatura che allontana le persone.

Non nella retorica per addetti ai lavori che ne ha espulso il ruolo, pur fondamentale, dal mondo. Per questo, crediamo che un seminario on line, comodo per gli orari serali, ma non troppo serali, che si svolga nei nostri studi o nei nostri salotti, magari con una tisana da sorseggiare, e un quaderno su cui schizzare appunti e suggestioni, possa contribuire ad aprire la mente, in un clima di novità e soprattutto senza alcuna saccenteria enciclopedica e nessun sofisma. Incontri belli, dunque, che fanno gioire la mente e anche il cuore, lo spirito insomma, o l’anima se si preferisce, e che non portano in sé nulla di vecchio, di provinciale, di polveroso, di noioso né di repellente. Una filosofia viva, vivissima e stimolante per persone che hanno voglia di gioire ancora discutendo insieme. Le iscrizioni al seminario possono essere fatte via mail a gbonagiouso@gmail.com o via whatsapp al 3474587137.

Gli incontri partiranno su piattaforma on line il 28 ottobre, giovedì, alle ore 19, e avranno la durata di un’ora e mezza. Saranno cinque, complessivamente e dipaneranno un discorso sulla filosofia a partire dall’etica, dall’antropologia, dalla psicologia, dall’estetica e dalla metafisica. A tenere gli incontri sarà Giacomo Bonagiuso, laureato in filosofia, dottore di ricerca in Etica e Antropologia presso l’Università del Salento, e già docente a c. di Etica Pubblica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo. 

 

AUTORE.