La nota maison “Gucci” pare proprio abbia scelto il Parco Archeologico di Selinunte come location per uno spot o per un evento. Al momento la notizia non è confermata ufficialmente. Di sicuro c’è la chiusura del sito archeologico alle visite turistiche dal 21 e fino al 25 gennaio 2019, così come annunciato negli scorsi giorni dal Direttore Enrico Caruso.

Due anni fa, fece molto scalpore la notizia che Atene avrebbe negato alla nota azienda di moda la disponibilità dell’Acropoli per una esclusiva sfilata di moda. In cambio, la nota casa di moda, seconda al mondo solo dopo la Louis Vuitton, avrebbe offerto due milioni di euro per lavori di restauro.

La risposta della Commissione archeologica della Grecia sarebbe stata categorica: “Il valore e il carattere dell’Acropoli è incompatibile con un evento di questo tipo”. Il simbolismo del monumento sarebbe svilito usandolo solo come “sfondo” per una sfilata di moda. Il quella occasione, il direttore del parco della Valle dei Templi, Giuseppe Parello, si era detto pronto a ospitare la sfilata: “I templi greci – aveva dichiarato – ce li abbiamo anche ad Agrigento. Gucci venga da noi. Iniziative come questa hanno un risvolto positivo anche per la nostra immagine”

Con la notizia di questi giorni, pare che la decisione della Gucci sia stata invece orientate verso Selinunte. Il nostro sito archeologico potrebbe ritornare ad essere al centro delle attenzioni di tutto il mondo come già avvenuto per gli esclusivi eventi “Google”.

Gucci è una casa di moda italiana attiva nei settori di alta moda e articoli di lusso che fa parte della Gucci Group, divisione della società francese Kering con sede anche a Pechino. È stata fondata da Guccio Gucci nel 1921 a Firenze. Nel 2016 Gucci ha fatturato 7,6 miliardi di euro nel mondo diventando la seconda casa di moda più venduta dopo Louis Vuitton. È tutt’oggi uno dei marchi di moda più famosi e rinomati a livello internazionale, con circa 300 negozi ufficiali aperti in tutto il mondo.