Davide ha incontrato la sua squadra del cuore, l’Inter. Lo ha fatto con gli occhi di suo fratello Giuseppe con il quale ha sempre condiviso la passione per i nerazzurri.

Davide Pizzo è venuto a mancare lo scorso 28 dicembre, mentre si trovava a Marinella di Selinunte. Il feretro del giovane trentenne è stato accolto dalla famiglia ed i suoi più cari amici mentre a Castelvetrano cadeva la neve.

Giovedì scorso, in Scozia, a quasi due mesi dal tragica scomparsa, durante la partita dell’Inter contro il Celtic Glasgow, sulla curva del team italiano i tifosi hanno ricordato in coro il nome di Davide. Le telecamere hanno anche inquadrato uno striscione ed un grande lenzuolo con le foto di Castoro, come amichevolmente era conosciuto a Castelvetrano.

giuseppe pizzo

Ma c’è di più, Giuseppe, che da qualche anno vive in Scozia, non ha viaggiato per circa 4 ore fino a Glasgow, solamente per vedere la partita ed urlare in curva il nome di Davide, l’obiettivo era quello di incontrare la squadra.

Giuseppe ha raccontato di suo fratello a Mancini, Dodò, Juan Jesus, Hernandes e anche allo storico capitano Zanetti. Davide vive ancora nei ricordi e nelle emozioni che ancora suscita il suo nome. Davide vive ancora in quella maglia con la sua foto che ha firmato anche mister Mancini e che adesso è custodita gelosamente dai calciatori dell’Inter.

davide pizzo mancini

giuseppe pizzo scozia

davide pizzo castoro