incendio tukeLa notte del 9 febbraio 2013 aveva incendiato il famoso stabilimento balneare di Marinella di Selinunte, distruggendolo quasi completamente. Le fiamme, provocate dolosamente dall’ingente utilizzo di liquido infiammabile, avevano anche sfiorato le abitazioni circostanti.

La triste vicenda aveva suscitato tanto sgomento, al punto che fu avviata da parte di cittadini ed aziende castelvetranesi una raccolta fondi di solidarietà per permettere ai gestori del Lido Tukè di ricostruirlo in tempo utile per la riapertura estiva.

A seguito delle indagini immediatamente avviate e condotte dai Carabinieri della Compagnia di Castelvetrano sotto l’egida della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, è stato identificato il presunto autore del grave incendio. Si tratta di P.A., incensurato di 30 anni, di Castelvetrano. Secondo quanto ricostruito dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, collaborati dalla Stazione Carabinieri di Marinella, l’uomo avrebbe dato fuoco al Lido Tukè a seguito di futili discussioni avvenute con i gestori del locale durante la nottata tra l’8 ed il 9 febbraio 2013. Quella notte P.A. avrebbe aspettato la chiusura del locale e intorno alle cinque del mattino, approfittando dell’assenza di persone, gli avrebbe dato fuoco mediante l’utilizzo di un ingente quantitativo di carburante. La struttura, per lo più in legno, andò quasi interamente distrutta.

Il GIP del Tribunale di Marsala, accogliendo la richiesta del pubblico ministero e ritenendo che a carico di P.A. vi siano gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di incendio aggravato, ha emesso nei confronti dell’uomo un’ordinanza che lo sottopone alla misura cautelare dell’obbligo di dimora. Tale misura, eseguita dai militari dell’Arma, impedisce a P.A. di allontanarsi dal comune di Castelvetrano e gli impone, inoltre, di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 21.00 alle 06.00.

autore incendio tuke

Comunicato Stampa Compagnia CC Castelvetrano