[di Rosetta Catalanotto] Il gruppo “La sinistra per Castelvetrano” quando si è costituito doveva essere altro rispetto al partito di Renzi e soprattutto rispetto all’antimafia di sciasciana memoria di Crocetta e Lumia, invece in questa competizione elettorale piena di contraddizioni e di “emergenze” pare che il cambiamento debba attuarsi solo attraverso il “ritorno” del partito degenerato (mi tocca dirlo) nell’autoreferenzialità.

Avendo condiviso negli ultimi anni battaglie e idee che nulla hanno in comune con il Partito Democratico ed essendo una donna orgogliosamente di sinistra, mi dissocio ufficialmente dalla decisione del mio gruppo di appoggiare la lista del PD, pertanto da oggi non farò più parte del gruppo politico “La sinistra per Castelvetrano”.

F.to Rosetta Catalanotto