Anche il Comune di Castelvetrano beneficerà dei fondi “ristoro” messi a disposizione dal Governo. Si tratta di trasferimenti dovuti per i mancati introiti collegati a esenzione di tributi e di suolo pubblico per le attività commerciali e imprenditoriali in ragione dell’emergenza Coronavirus.

Al Comune di Castelvetrano toccherà 1,3 milioni di euro, stesso importo anche per Erice. A Marsala spetteranno 3,7 milioni di euro, a Trapani 2,8, a Mazara del Vallo 2 milioni. I fondi arrivano attraverso il “Fondo perequativo degli enti locali”, istituto dal Governo regionale nel maggio scorso proprio per dare un sostegno agli enti locali e ai possibili “buchi” di bilancio per questi mancati introiti in bilancio.

I 18 milioni e 843 mila euro destinati al Trapanese fanno parte della prima tranche di questo fondo di 210 milioni, vale a dire l’80 per cento dell’importo complessivo, che consentirà ai Comuni di definire le esenzioni o le riduzioni dei tributi locali per gli operatori economici presenti nel territorio. Questa prima quota si basa su tre parametri: il 75 per cento in base alla popolazione, il 20 per cento sugli operatori economici e il 5 per cento sui trasferimenti del 2019. Per altri Comuni (Campobello di Mazara, Paceco, Pantelleria, Partanna, Salemi e Valderice) toccheranno quasi 500 mila euro ciascuno.