Ricorre oggi il 93° anniversario della morte di Gennaro Pardo, figura di grande rilievo nella storia recente della città di Castelvetrano, legittimamente ascrivibile al novero dei grandi artisti che hanno operato in Italia a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento.

Di certo quella del pittore castelvetranese è stata una vicenda umana del tutto singolare: durante la sua vita ha avuto modo di dare prova di grande talento artistico, potendo godere di autentica stima, in primis da parte degli importanti maestri che ne hanno seguito la formazione e che, per l’eccellente qualità dei suoi lavori, lo hanno onorato con importanti riconoscimenti.

Tuttavia una serie di fattori, inesorabilmente occorsi dopo la morte, ne hanno progressivamente sbiadito il ricordo, fino al quasi totale disconoscimento dei suoi meriti, anche da parte della stessa comunità di Castelvetrano; ma questa è una storia a cui oggi, per fortuna, si è divenuti maggiormente sensibili.

Per porre rimedio a questa “ingiustizia storica”, lo studioso David Camporeale ha negli ultimi anni avviato una intensa attività divulgativa per rilanciare nel panorama nazionale la figura di Gennaro Pardo, e con essa i valori paesaggistici e culturali del nostro territorio; al brillante artista si devono infatti alcune delle immagini più liriche delle nostre campagne e delle nostre spiagge, e soprattutto dei monumenti greci dell’antica Selinunte, che gli valgono ancora l’epiteto (forse riduttivo) di “Pittore di Selinunte”.

Con il volume “Riscoprire Gennaro Pardo”, pubblicato nel 2019 a Palermo dalle Edizioni d’arte Kalòs, il Camporeale fissa indubbiamente una tappa fondamentale negli studi dedicati a questa eccellente personalità, offrendo al lettore «un saggio scritto con chiarezza e semplicità esemplari (rara tra i critici d’arte, spesso catturati dalla smania di stupire con voli pindarici e un linguaggio criptico quanto involuto) che si coniuga al rigore critico.
Ed anche per questi motivi è destinato sia agli addetti ai lavori che a un pubblico più vasto desideroso di accostarsi all’arte e a scoprirne le incommensurabili bellezze» (Antonino Cangemi, “BlogSicilia”, 15 febbraio 2020).

Ricordando che il libro è acquistabile sia sul sito delle Edizioni Kalòs, che nelle principali librerie nazionali e, a Castelvetrano, presso l’edicola “L’Anteprima” in corso Vittorio Emanuele II, vi proponiamo di seguito il video realizzato per “Il Maggio dei Libri” di quest’anno (manifestazione curata, nella nostra città, dalla Biblioteca comunale “Leonardo Centonze”), in cui l’autore illustra i caratteri peculiari del linguaggio pittorico di Gennaro Pardo.