Si è svolta il 22 maggio 2018, nell’Aula Magna “Vincenzo Li Donni” del Dipartimento delle Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche dell’Università di Palermo la manifestazione conclusiva della XIV edizione del Premio Nazionale Libero Grassi.

Il tema proposto alle scuole italiane di ogni ordine e grado è stato racchiuso nell’espressione “Restiamo Umani”, presa in prestito dal giovane attivista pacifista, Vittorio Arrigoni, ucciso nella Striscia di Gaza il 15 aprile 2011, che con questa meravigliosa espressione amava concludere i suoi reportage , un’espressione che era e rimane invocazione esistenziale, progetto politico, ma anche impegno personale per ogni donna e uomo di buona volontà in difesa dei diritti inviolabili dell’uomo.

 

Il Premio, promosso dalla cooperativa sociale Solidaria, con il sostegno di Confcommercio-Imprese per l’Italia, con il patrocinio del Comune di Palermo e con la collaborazione del Dipartimento che ha ospitato la manifestazione, in questa edizione ha proposto due sezioni:  A – Per la selezione di una canzone inedita; B – Per la selezione di una sceneggiatura video. La Giuria chiamata a valutare le 34 canzoni e le 24 sceneggiature in gara è stata costituita da: Alice Grassi, in rappresentanza della famiglia di Libero; Annamaria Piccione, scrittrice con al suo attivo decine di testi per ragazzi; Augusto Cavadi, scrittore , consulente filosofico e Fondatore della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo; Filippo Arlotta, regista di numerose campagne pubblicitarie; Salvatore Cernigliaro, presidente di Solidaria.
Presenti alla manifestazione tutti i componenti della Giuria , il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Prof. Fabrizio Micari, l’assessore Nicotra per il Comune di Palermo, il dott. Cesare Vincenti Presidente della Sezione GIP/GUP del Tribunale di Palermo, la dott.ssa Anna Lapini, componente di Giunta incaricata per la legalità e la sicurezza per Confcommercio ed un numeroso e coloratissimo pubblico formato da studenti e docenti delle scuole premiate.

Il Coro DoReMì del II Circolo Didattico “Ruggero Settimo” si è classificato al secondo posto per la più bella canzone con il brano inedito “Dove non c’è poesia” ed ha avuto riconosciuto un premio del valore di 500 euro da destinare all’acquisto di attrezzature didattiche.

A premiare i giovani coristi, dopo un’emozionante esibizione molto apprezzata ed applaudita dal pubblico presente , è stato il dott. Cesare Vincenti che, insieme ai membri della Giuria di qualità, si è complimentato per l’ottima prestazione del gruppo e per la canzone che denota sia nel testo che nella musica, sensibilità verso i valori democratici dell’uguaglianza, della tolleranza, del rispetto per le diversità.
“Dove non c’è poesia” è il discorso tenero di un padre al figlio durante il viaggio della speranza” a bordo di uno dei tanti barconi che attraversano i nostri mari, un invito a guardare il mare calmo e leggero che li porterà via da un passato fatto di tormenti e sofferenze, il cielo stellato e senza nuvole, gli orizzonti aperti dove è possibile sognare.
Così da un’anima straziata dove non c’è poesia può nascere un nuovo canto, la speranza di cambiare, il sorriso di una tenera mano protesa verso il domani.
La giornata ricca di emozioni si è conclusa con un’interessante visita guidata all’Orto Botanico di Palermo offerta dagli organizzatori della manifestazione a tutti gli studenti delle scuole premiate.
Felici ed orgogliosi per l’importante riconoscimento assegnato sono gli alunni, i genitori, la comunità scolastica ed in particolare tutta “la squadra” che ha lavorato intensamente al progetto: Giacomo Sciaccotta che ha scritto il testo insieme ai bambini, Gaspare Federico che l’ha musicato, Angela Romeo Direttrice del Coro, Rosanna Lombardo Responsabile del coordinamento organizzativo, Carmela Valenti Referente dei Progetti Legalità del Circolo, il Dirigente Scolastico prof.ssa Maria Luisa Simanella impegnata in prima linea nel promuovere la cultura della legalità a scuola sostenendo con determinazione ogni iniziativa finalizzata alla formazione di futuri cittadini attenti alle tematiche sociali, attivi ,responsabili e soprattutto liberi come recita lo slogan coniato dal Coro per quest’occasione
“Libera la mente, libera la vita, libero il futuro”

Carmela Valenti Addetto Stampa II Circolo “Ruggero Settimo”