La Corte d’Appello di Palermo – Sezione misure di prevenzione – ha revocato la misura della sorveglianza speciale applicata per il reato di stalking nei confronti del castelvetranese B.P., 38 anni che il Tribunale di Marsala gli aveva applicato. L’uomo era stato denunciato dalla compagna per stalking e violenza sessuale e il Tribunale – Sezione misure di prevenzione – gli aveva imposto la sorveglianza speciale quasi contemporaneamente all’inizio del processo. Il Tribunale in primo grado lo ha assolto dall’accusa di violenza, mentre lo ha condannato per stalking. Ora la Corte d’appella ha revocato la misura di prevenzione.

«La Corte d’Appello sconfessa anche in buona parte la sentenza di condanna per il reato di atti persecutori (stalking) pronunciata dal Tribunale di Marsala – spiega l’avvocato Massimo Mattozzi che difende l’uomo – attendiamo le motivazioni per proporre appello, confidando in una nuova valutazione dei fatti che evidenzi la non colpevolezza del mio assistito il quale ha solo cercato di incontrare sua figlia e non ha mai perseguitato nessuno».