Novecento assunzioni nei prossimi due anni in Rete Ferroviaria Italiana, di cui 700 come addetti alla manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria e 200 per la gestione della circolazione.

Rete Ferroviaria Italiana è stata costituita nel 2001 come società dell’infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato per rispondere alle Direttive comunitarie recepite dal Governo italiano sulla separazione fra il gestore della rete e il produttore dei servizi di trasporto, e a completamento del processo di societarizzazione del Gruppo FS.

Le assunzioni – spiega una nota RFI – fanno seguito al piano di rinnovamento già avviato con circa 800 assunzioni da inizio 2017, alcune delle quali saranno perfezionate entro fine anno. Le nuove assunzioni di RFI rientrano nel più ampio piano di ricambio generazionale del Gruppo FS Italiane che sta inserendo nei propri organici molti giovani, dai neolaureati a diplomati in materie tecniche, per contribuire al cambiamento e allo sviluppo del sistema Paese con un approccio innovativo, dinamico e pronte a mettersi in gioco anche in contesti internazionali.

Metti “Mi Piace” per ricevere aggiornamenti offerte lavoro

La nuova tornata di assunzioni è stata annunciata in occasione della firma degli accordi, tra Rete Ferroviaria Italiana e le organizzazioni sindacali, che modificano i processi gestionali della circolazione ferroviaria e della manutenzione della rete ferroviaria. L’accordo per la circolazione ferroviaria permette di rafforzare la concentrazione delle attività di gestione, coordinamento e sicurezza dell’esercizio ferroviario, migliorando la gestione operativa e l’efficienza di tutte le risorse umane. La nuova organizzazione lavorativa si avvale anche dell’ausilio delle nuove tecnologie, per realizzare livelli crescenti di sicurezza, di disponibilità della rete e di qualità dei servizi offerti alle imprese di trasporto ferroviario, ai viaggiatori e all’intero sistema Paese.

È stata anche sottoscritta la verifica dell’Accordo nazionale firmato nel 2015 relativo al processo di manutenzione, finalizzata a garantire il miglioramento continuo del servizio e una maggiore disponibilità della rete. L’obiettivo principale è elevare gli standard di sicurezza e affidabilità per un migliore standard manutentivo sull’intero network di RFI, confermando i piani di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria delineati nel Piano industriale 2017-2026.

fonte. AGV – Agenzia Giornalistica il Velino