Buone notizie per la città arrivano dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Ambientali, con una nota diramata oggi, infatti l’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Gianni Pompeo, ha appreso dell’avvenuta concessione del finanziamento per il restauro della chiesa di San Domenico.
La vicenda dei restauri della chiesa, che è una degli esempi più significativi di quel manierismo siciliano che sfociò poi nel barocco,è nota. Infatti la chiesa rimane chiusa per una serie di restauri che furono cominciati e mai finiti.
All’interno della chiesa, è rimasta una impalcatura che venne utilizzata per effettuare dei rilievi per il restauro conservativo che non venne mai completato. L’edificio di culto, fatto costruire nel XV secolo dai Tagliavia, fu abbellita da continui stucchi ed affreschi che denotavano uno sfarzo, quasi in contrasto con la configurazione esterna semplice ed essenziale. Dopo tante sollecitazioni da parte di questa amministrazione, quindi, i preziosi affreschi potranno ritornare all’antico splendore.

La Soprintendenza di Trapani, infatti, ha redatto un progetto esecutivo relativo “all’intervento conservativo e di restauro della chiesa di San Domenico e delle decorazioni murali plastiche e pittoriche”, per un importo complessivo di 1.850.000,00 euro, munito di parere favorevole in linea tecnica dopo le documentazioni fotografiche, le analisi dei prezzi ed i computi metrici che verrà ora finanziato con il Por Sicilia 2000-2006, nella misura 2.01 che parla di “ recupero e fruizione del patrimonio culturale ed ambientale” e relativo all’utilizzo delle risorse finanziarie liberate.

Esaurite le competenze della soprintendenza, la pratica verrà ora passata agli uffici di ragioneria che si occuperanno della pubblicazione della gara d’appalto e della successiva aggiudicazione, ma da Trapani fanno sapere che entro meno di un anno la chiesa potrà essere restituita ai fedeli in tutto il suo splendore.

(comunicato n°36 – Alessandro Quarrato)