Le prossime due domeniche (22 e 29 marzo) tutti i punti vendita Conad italiani saranno chiusi. La decisione è stata presa per agevole l’applicazione delle indicazioni del Governo e delle Regioni.

Un’emergenza che vede coinvolti tutti. Da una parte le famiglie chiuse a casa per limitare il contagio e dall’altra milioni di persone in prima linea per superare l’emergenza. Tra questi medici, operatori sanitari, Forze dell’Ordine e tutti quei lavoratori che garantiscono alla popolazione i beni di prima necessita come cibo e farmaci. Lavorati che hanno paura (nessuno era preparato a questa pandemia) ma che continuano ogni giorno a svolgere le proprie mansioni.

“Gentilissimi Clienti – scrive Francesco Messina, Vice Presidente ANCD Conad – vi informiamo che il Conad e il Conad Superstore di Castelvetrano aderiscono alla chiusura di domenica 22 e 29 Marzo. #Restiamoacasa è l’atto più generoso che possiamo fare ora. Conad è con voi per voi. Persone oltre le cose”. Una misura straordinaria che arriva dopo una serie d’interventi che l’azienda Conad ha posto in essere anche a Castelvetrano già nelle scorse settimana per garantire la spesa in totale sicurezza: sanificazione totale degli ambienti più volte al giorno, dispositivi di protezione per tutto il personale ed accesso controllato agli store.

Una decisione, quella di chiudere i punti Conad anche in Sicilia, che arriva ancora prima delle ultime restrizioni, imposte da Nello Musumeci per contenere il contagio in Sicilia. Una scelta difficile ma coraggiosa e responsabile affinché anche le famiglie dei lavoratori rimangano a casa la domenica. E’ un momento molto difficile dove ogni decisione deve nascere da un’attenta riflessione delle ripercussioni di questa in una società provata duramente dall’emergenza scaturita dalla diffusione del virus.

Ognuno deve fare la propria parte per limitare il più possibile la circolazione ed il contatto tra le persone. Minori sono i contatti, maggiori saranno le possibilità di arginare l’epidemia.