Riceviamo e pubblichiamo la lettera del Prof. Antonello Camporeale

ciulla-fiordaliso

Intervenendo, quale persona informata dei fatti, nell’incresciosa polemica insorta tra il Dirigente dell’Istituto Tecnico Commerciale “G. B. Ferrigno, e il Dirigente del Liceo Scientifico “M. Cipolla”, devo dichiarare che, nella qualità di collaboratore del Preside F. Fiordaliso per l’organizzazione dell’ evento “Parole e Musica contro la Mafia”, giovedì 24-04-2014 ho personalmente consegnato al Dirigente del Commerciale, Prof. Ciulla, la lettera di invito del Preside Fiordaliso alla riunione preliminare fissata per martedì 29-04-2014, alle ore 11,15, nel suo ufficio di presidenza, indirizzata a tutti i Dirigenti scolastici della Città ( che hanno infatti aderito all’iniziativa).

Al momento della consegna, il Preside Ciulla ha manifestato la propria disapprovazione per la modalità con cui, a suo dire, era stata impostata la manifestazione, dissentendo, in particolare, dall’utilizzo del termine “Mafia”, cui avrebbe preferito quello di “Legalità”, e considerando, prendendo le distanze, che comunque si trattava di una iniziativa del Liceo Scientifico, alla quale non riteneva di dover aderire.

——————-

Ecco il servizio a cura di Agnese Licata, per il TG regionale, sull’happening “NO alla mafia” di Castelvetrano

——————-

Rifiutandosi, in tal modo, di partecipare alla riunione organizzativa, il Preside Ciulla si è anche precluso la possibilità di valutare adeguatamente la portata e il significato dell’iniziativa, che quindi non può affermare a posteriori di non aver compreso nella forma in cui gli è stata proposta.

Il suo rifiuto appare, con tutta evidenza, non solo scortese nei confronti di un collega che aveva manifestato il desiderio di renderlo partecipe di una propria iniziativa, ma anche pregiudizievole, essendo fondato su un distinguo (francamente incomprensibile) tra il valore di “legalità” e quello di un “corteo antimafia”, che ne rappresenta una concreta manifestazione, volta appunto ad affermare tra le nuove generazioni quel valore che è fondativo del senso stesso della democrazia.

A ciò si aggiunga che, in mia presenza, il Preside Fiordaliso ha anche telefonato al Preside Ciulla, sollecitando la sua partecipazione ed evidenziando quanto inopportuna potesse apparire, nell’ambito di una iniziativa di così profondo significato civile ed educativo,l’assenza del suo Istituto.
Confido che questa mia dichiarazione contribuisca a dirimere la spiacevole controversia, ristabilendo tra i suoi protagonisti un rapporto debitamente rispettoso, e autenticamente aperto a future, fattive collaborazioni, riconoscendo il valore e la maggiore efficacia dell’azione comune, non inficiata da nessuno di quei pregiudizi che spesso derivano da concezioni esclusivistiche dei ruoli e delle funzioni.

Un ultimo commento a questa vicenda concerne il disappunto che un Istituto prestigioso come il “G.B. Ferrigno”, a causa dei lamentati malintesi, non abbia potuto essere protagonista, con i propri studenti, di un evento di grande rilievo, che ha coinvolto l’intera città, e che ha peraltro visto la partecipazione del Presidente della Regione Siciliana, di personaggi politici, di giornalisti di varie testate, di Rai 3, e dei rappresentanti delle principali associazioni impegnate nella lotta contro la Mafia.

prof. Antonello Camporeale