Sarà presentato questa mattina alle 10, presso l’aula consiliare del comune di Castelvetrano, il progetto Centro di Aggregazione Giovanile Il Fratello, finanziato con i fondi della legge 309/90, fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga.

Il Centro, che sarà gestito dall’Associazione di volontariato Il Fratello, in partenariato con l’A.s.l. n°9 di Trapani e col comune di Castelvetrano, ha per obiettivo primario quello della prevenzione dei fattori di rischio, attraverso la valorizzazione delle risorse e delle potenzialità presenti nel contesto sociale, al fine di creare una rete di politiche giovanili attorno ai ragazzi, tale da renderli liberi da ogni forma di schiavitù e dipendenza.

Il progetto, che si protrarrà fino al dicembre 2009, verrà sviluppato ed applicato secondo un nuovo metodo, sintetizzato in linee guida, che fanno leva sulla maieutica avanzata attraverso cinque parole chiavi quali: con-discendenza intesa come disponibilità verso l’altro; industriosità esprime la disponibilità e creatività per industriarsi verso le esigenze del giovane; prevenzione intesa come la capacità di protezione e di difesa del giovane per affrontare in modo costruttivo la vita; amicizia intesa non solo come sostegno affettivo ma come luogo concreto di crescita verso la verità; il tutto sfocia naturalmente nella corresponsabilità ossia nella Costruzione di una Umanità nuova frutto di un’educazione completa,nella quale i giovani sono protagonisti nel processo di trasformazione verso la civiltà dell’amore.

L’intervento rivolto a minori di età compresa tra i 6 e i 18 anni prevede uno spazio didattico oltre che di orientamento professionale, uno spazio ludico pittorico, di animazione, di produzione e montaggio video, uno spazio ludico sportivo, uno spazio di drammatizzazione, uno spazio musicale, uno spazio-incontro genitori-figli. All’incontro, oltre al sindaco Gianni Pompeo e a vari consiglieri comunali , prenderanno parte i dirigenti scolastici, i genitori, gli alunni, i parroci, il S.E.R.T, il Dirigente dell’Asl.

In tale occasione il sistema delle piazze verrà animato da una serie di attività che coinvolgeranno i ragazzi della scuola di teatro “Ferruccio Centonze”, che porteranno in scena la drammatizzazione di Moby Dick di Herman Melville, i figuranti del corteo storico di Santa Rita che proporranno alcune scene della rappresentazione che va in scena nel mese di maggio, nonchè spettacoli musicali, estemporanee di pittura, svolte in collaborazione con artisti e compagnie teatrali-musicali locali. Sarà presente anche il camper del Sert, che effettuerà una campagna di prevenzione che prevede la somministrazione di questionari oltre che di materiale informativo.