Essepiauto

Castelvetrano eredita una grande cultura di cui vantarsi e una storia locale davvero degna di essere ricordata in tanti importanti appuntamenti culturali. Uno, fra tanti, quello organizzato dall’associazione Unitre di Castelvetrano e a cui in molti hanno avuto il piacere di partecipare martedì 28 Maggio, presso l’Auditorium della scuola ” Ruggero Settimo”, ha riguardato la presentazione del nuovo libro dello scrittore Vito Marino “ La famiglia Saporito fra storia e leggenda in una Castelvetrano ottocentesca”.

Ultima fatica, questa, di un attento ricercatore storico, ma anche di un giornalista, pubblicista, cantante corista, autore di parecchi scritti e cultore delle tradizioni popolari .
Ha partecipato all’evento il sindaco della città , dott. Enzo Alfano ed è intervenuta, all’inizio della manifestazione, la preside, prof.ssa Maria Luisa Simanella, che ha ospitato l’associazione Unitre e che, assieme ai rappresentanti delle associazioni Dante Alighieri, Kiwanis club, Unesco, Rotary, Fidapa, Pro Loco Selinunte, ha espresso parole di compiacimento per l’ iniziativa svolta dall’Unitre e, in particolare, per il Sig. Marino.

Vito Marino, nel suo libro di 330 pagine, mette in luce una Sicilia di fine Ottocento, una Sicilia arcaica in cui i borghesi si fanno avanti, fino a sostituirsi alla nobiltà, arricchendosi nel comprare i beni appartenuti alla Chiesa, sottoposti a scomunica.
Le sue parole: “La mia ricerca storica ha interessato la famiglia Saporito, che, per più di mezzo secolo e con la sua potenza economica e politica, ha retto le sorti del territorio di Castelvetrano, Partanna e Mazara del Vallo, diventando in tal modo artefice del destino della nostra città. In diversi miei articoli ho scelto di parlare di personaggi noti di Castelvetrano, fra i quali, uno appartenente proprio alla famiglia Saporito”.

L’ evento è stato ben organizzato dal presidente dell’Unitre, Preside prof. Giuseppe Ancona e coordinato con cura dal segretario dell’Unitre, avv. Davide Brillo.
Dopo l’esecuzione di tre canti siciliani, da parte del Coro dell’Unitre Castelvetrano Selinunte, il presidente Unitre ha preso la parola per ringraziare il pubblico presente e in particolare il sindaco Enzo Alfano per avere accolto l’invito, poi ha messo in risalto l’ Associazione Unitre, il cui scopo è quello di promuovere, anche in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, iniziative di carattere culturale e attività a favore del tempo libero.
Il primo cittadino, dott. Enzo Alfano, invitato ad intervenire, ha elogiato l’Unitre per l’impegno profuso e per l’interesse rivolto alla storia locale e alla cultura in generale , elemento questo imprescindibile per la crescita della città di Castelvetrano.

Si è rivolto poi così alla platea : ” La nostra amministrazione punta molto alla cultura. Partendo proprio da essa la città si può riscattare dalla crisi sociale ed economica nella quale è sprofondata. Spero che con la collaborazione e l’aiuto di tutti Castelvetrano possa essere rilanciata e riportata allo splendore che merita “.
Presenti anche i rappresentanti della famiglia di cui si parla nel libro, fra cui Stefano, Daria e Ada Saporito che hanno ringraziato il Sig. Marino per avere scritto un libro così interessante che merita di essere letto.
E lo merita davvero perché, fra la storia e la leggenda di una famiglia, l’autore è stato molto bravo a mettere in primo piano, soprattutto, la storia di Castelvetrano, quella che va dall’inizio del 1800 all’inizio del 1900, dalla caduta del feudalesimo fino alla prima guerra mondiale. Nel libro si parla anche delle miserevoli condizioni in cui, all’epoca, vivevano i contadini, condizioni rimaste immutate malgrado il risveglio e la presa di coscienza della Sicilia contadina, le lotte socialiste e le rivolte dei Fasci. Vengono anche esaltati i valori della civiltà contadina, della religiosità siciliana ed alcuni eventi che tuttora vengono celebrati. Si tratta, insomma, di un libro che descrive con dovizia di particolari fatti storici, eventi del passato e personaggi che hanno lasciato il segno nella nostra città.
E così alla fine della presentazione lo scrittore Vito Marino è stato applaudito dal pubblico presente che ha avuto modo di elogiare, oltre la capacità letteraria, la sua arte affabulatoria con cui ha saputo deliziare tutti.

Francesca Mandina
Addetto stampa
Unitre, Castelvetrano Selinunte