Uccidere cani e gatti lasciandogli del cibo avvelenato è una pratica terribile e purtroppo nota. Ma ancor più crudele è far sì che mangiando un boccone trovato a terra, i poveri animali si lacerino la bocca e lo stomaco. Cosa possibile solo piazzandogli delle polpette con pezzi di vetro ben nascosti all’interno.

Una vicenda che ha dell’incredibile ma che è accaduta proprio questa mattina a Castelvetrano in uno spazio verde nei pressi della Via Adua. Una giovane fortunatamente è riuscita a rimuovere dalla bocca del suo cagnolino la polpetta prima che venisse ingoiata.

Sul posto è intervenuto immediatamente l’ispettore Salvatore Macaluso del NOPA della Polizia Municipale. La polpetta è stata recuperata per le dovute indagini. Al momento non è noto se i malintenzionati ne abbiano lasciato altre nell’area quindi si consiglia di prestare la massima attenzione.