A causa dei tagli indiscriminati e insensati fatti nel bilancio della Regione, la Fondazione Orestiadi di Gibellina, dopo che anno dopo anno ha visto il proprio contributo ridursi sempre di più, da adesso non avrà alcun sostegno e finanziamento. Questo porterà inevitabilmente alla sua crisi, con la probabile prospettiva della chiusura e/o del suo fallimento

Sciascia diceva che la Sicilia è ‘irredimibile’, ma che comunque bisogna continuare a lottare, a pensare e ad agire, come se non lo fosse. In questo agire ‘come se’ c’è un margine di speranza e di riscatto, di speranza contro ogni logica speranza.

Sopra questo kantiano ‘come se’ io ho ricostruito Gibellina, la Fondazione Orestiadi e tutta la mia vita

Ludovico Corrao, luglio 2010

marcia cultura gibellina

Si è tenuta, oggi pomeriggio, a Gibellina la marcia per la Cultura a sostegno della Fondazione Orestiadi. La manifestazione ha concluso la settima edizione di Salvalarte Belìce.

Una bella partecipazione. Una forte testimonianza – ha commentato Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente Sicilia – di chi non si vuole arrendere all’apatia e all’oblio che distruggere il nostro patrimonio culturale. Purtroppo non finirà qui!

Non crediamo che questa politica cialtrona, fatta da politicanti ignoranti e indifferenti cambi e, quindi, bisogna continuare a lottare. Diamo un altro appuntamento il prossimo 7 luglio per “una veglia per la cultura”, per salvare la Fondazione Orestiadi e tutte quelle istituzioni e associazioni culturali che stanno morendo a causa degli indiscriminati e scellerati tagli della Regione. E se dopo il 7 luglio non succederà nulla, torneremo ancora ogni 7 di ogni mese!

marcia cultura gibellina 2

Hanno partecipato alla manifestazione Gianfranco Zanna, direttore Legambiente Sicilia; Francesco Forgione, direttore della Fondazione Federico II; il Console della Tunisia, Farhat Ben Souissi; il dirigente scolastico dell’I.S. di Istruzione superiore di Castelvetrano, Francesco Fiordaliso; il Presidente dell’ Unpli di Trapani, Maria Scavuzzo; il presidente del Cresm, Alessandro La Grassa; il direttore della rete museale e naturale belicina, Giuseppe Salluzzo; Paola Gandolfo, presidente Spazio Libero Onlus; Giulia Casamento, direttore Riserva di Santa Ninfa. E ancora: l’Associazione Poggioreale Antica, il Coordinamento della Valle del Belìce, i sindaci dei Comuni di Gibellina, Salemi, Partanna, Vita, Castelvetrano, Castellammare del Golfo, Erice, Petrosino, Poggioreale, Santa Ninfa.

L’ufficio stampa Teresa Campagna