franco stella
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Totò Stella, fratello nel noto fotografo Franco Stella, tristemente scomparso nell’agosto del 2003.

Sento il dovere ringraziare, tramite il Suo sito, quanti continuano ad apprezzare la figura di uomo e fotografo di mio fratello Franco.

A seguito dell’articolo di Filippo Siragusa che da un’analisi della crisi che attanaglia già da troppo tempo la nostra realtà, dall’analisi della diversa fisionomia che assume giorno dopo giorno la nostra città, ha finito per ricordare Franco Stella.

Non voglio dire delle motivazioni che hanno portato alla chiusura dello ‘storico’ studio fotografico che ha visto transitare, nel corso degli anni, tanti amici e tanti giovani amanti della ‘Fotografia’, quando questa doveva nascere prima nella mente e nel cuore, essere impressa, poi, in una pellicola e, infine, apparire su un foglio di carta attraverso quel processo chiamato sviluppo e stampa che molti oggi sconoscono e che Franco conosceva bene.

La chiusura dello studio fotografico è stata una scelta sofferta; qualsiasi scelta viene sempre dettata dai tempi, dalle situazioni, da esigenze e interessi diversi. Tutto contribuisce, ma le scelte vanno fatte, nella speranza che siano quelle giuste.

Voglio mettere a disposizione degli amici di Franco e di quanti volessero conoscere la sua fede e il suo spirito, alcune copie del libro Il sorriso di Franco che si possono trovare presso l’ottica Riccardo Stella, in piazza Matteotti.

Grazie ancora a quanti, in vario modo, hanno voluto far sentire la loro testimonianza d’affetto.
Mi permetto concludere con un piccolo affresco su mio fratello:

———————

FRANCO

Potrò mai dimenticare
la tua allegria,
le tue premure,
quel braccio attorno al collo,
quella mano sulla spalla
per farmi sentire amico?

Eppure avevi di che soffrire,
di che lamentarti!
Ma mai hai rattristito me
né i tuoi amici
delle tue sofferenze.
Hai regalato sempre
il sorriso a tutti,
portato conforto agli ammalati,
dato speranza ai depressi,
aiuto ai bisognosi,
coraggio ai deboli.
Hai pregato sempre
per chi non lo ha mai fatto.

Hai amato la vita tua
e quella degli altri.
Così hai vissuto
con animo libero
lontano da pregiudizi,
emozionante
come il pianto di un bimbo
appena nato
perché nascevi ogni giorno,
nitido
come i fotogrammi
dei tuoi scatti.

Totò Stella