I giudici della sesta sezione della Corte di Cassazione hanno accolto il ricorso dei pm di Trapani contro la scarcerazione dell’ex deputato regionale Giovanni Lo Sciuto e altre tre persone, prima arrestate dai carabinieri e scarcerate, alcune settimane dopo, dal Riesame. La notizia la riporta l’agenzia Agi. Il medico castelvetranese, secondo l’accusa, avrebbe creato una loggia segreta che attraverso la concessione di false pensioni di invalidità avrebbe raccolto voti.

In totale il blitz “Artemisia” portò all’arresto di 27 persone, tutte scarcerate dai giudici del Riesame perchè, oltre alla mancanza di gravi indizi di colpevolezza, riteneva che la competenza territoriale dell’indagine fosse dell’autorità giudiziaria di Palermo e non di Trapani. Adesso però i giudici – accogliendo il ricorso della Procura trapanese – hanno riconosciuto che Lo Sciuto non andava scarcerato. Così come Isidoro Calcara, Giuseppe Cammareri e Daniela Vincenza Lentini: anche loro secondo la Cassazione sarebbero dovuti restare sottoposti a misura cautelare.