Questa insolita giornata di Pasqua “blindata” a causa delle misure governative per arginare il contagio del coronavirus, sarà per sempre ricordata a Castelvetrano come la “Pasqua senza l’Aurora”. Una celebrazione della Settimana Santa particolarmente sentita dalla comunità castelvetranese.

Essere in prima linea per la rappresentazione è stato sempre motivo di particolare orgoglio. Alcune persone hanno portato a spalla le statue della rappresentazione per decine di anni. Come Giuseppe Vaiana, insegnante molto conosciuto nella comunità castelvetranese, scomparso prematuramente per un male nel 2017.

Vaiana, per parecchi anni, è stato uno dei principali organizzatori della tradizionale processione dell’Aurora di Pasqua. Rimane impressa in molti castelvetranesi la sua immagine mentre trasportava la statua del Cristo. Un posto che è stato preso dal figlio Vincenzo nelle scorse due edizioni.

Anche quest’anno Vincenzo avrebbe dovuto portare la statua del Cristo sulla spalla con il ricordo del padre nel cuore ma non è stato possibile. In questo video e nelle immagini che proponiamo qui sotto, vogliamo ricordare Giuseppe.

Collage created using TurboCollage software from www.TurboCollage.com