PARTANNA. Il sindaco Nicolò Catania e l’assessore all’Istruzione Maria Antonietta Cangemi effettueranno una verifica sul funzionamento del servizio di refezione scolastica negli istituti comunali. In seguito alle proteste relative alla mensa riservata agli studenti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, recentemente appaltata ad una ditta esterna, il primo cittadino e l’assessore hanno deciso di intervenire personalmente in diversi momenti ispettivi per accertare il buon andamento del servizio sia per quanto concerne l’organizzazione che la qualità dei pasti. Nel pomeriggio il sindaco Catania e l’assessore Cangemi si riuniranno con i titolari della ditta che fornisce le pietanze e alcuni rappresentanti dei genitori per un incontro informale durante il quale affrontare le problematiche emerse in questi giorni. L’amministrazione ha inoltre convocato per il 5 dicembre i componenti della Commissione mensa, come previsto dal regolamento, per valutare le proposte di eventuali modifiche alle tabelle alimentari sulla base delle richieste espresse dalle famiglie e in relazione alle esigenze nutrizionali degli alunni. “Nonostante il regolamento per il funzionamento della mensa scolastica preveda delle procedure di monitoraggio costanti – precisa Catania – interverrò personalmente per verificare, al netto di possibili strumentalizzazioni, per apportare i necessari aggiustamenti utili a ottimizzare il servizio offerto. Lo ritengo doveroso considerato che tanto l’amministrazione comunale quanto le famiglie contribuiscono ogni anno e con fondi propri all’avvio della refezione e dunque si ha il diritto di ricevere un servizio adeguato a garantire una sana alimentazione per i nostri bambini nel rispetto delle normative vigenti”.

La portavoce del Sindaco
Letizia Loiacono