COME FRATELLI il testo di Giovanni Libeccio messo in scena con la regia di Giacomo Bonagiuso, torna, dopo due anni dal grande successo, con una nuova veste che prevede la partecipazione del grande attore siciliano LUIGI MARIA BURRUANO.

Un attore di calibro internazionale che ha voluto credere nel progetto di Libeccio e Bonagiuso e sposare la linea di regia data a questa drammaturgia nuova che, se parla di mafia e di sicilianità, traduce questa vocazione in canto, in fabbrica rappresentativa e non in solo pianto.

come fratelli

Chi volesse vedere questa nuova nascita di Come Fratelli potrà seguire in scena lo spettacolo all’anteprima del Castello Grifeo di Partanna il 20 agosto, e poi in giro per la Sicilia. “È una grande emozione dirigere un attore come Burruano, perché nel vederlo al lavoro c’è sempre l’occasione di imparare nuovamente e sempre il proprio mestiere a teatro – dice Giacomo Bonagiuso.

Per Giovanni Libeccio “Come Fratelli è come una scrittura liberatoria; consente ad un giovane di fare i conti con la Sicilia e le sue piaghe, senza bruciare tutto ed andarsene”.