Alla messa  di Natale nella Basilica di San Pietro, Papa Francesco ha lanciato un appello per accogliere i migranti e trasformare la paura in carità. Poi ha ricordato che il Dio bambino è il vero titolare della cittadinanza di ogni persona.

Nella celebrazione della Notte di Natale, Papa Francesco ha citato l’omelia della messa d’inaugurazione del Pontificato di San Giovanni Paolo II: “Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo“, ha ripetuto con forza. “Natale – ha affermato – e’ tempo per trasformare la forza della paura in forza della carita’, in forza per una nuova immaginazione della carita’. La carita’ che non si abitua all’ingiustizia come fosse naturale, ma ha il coraggio, in mezzo a tensioni e conflitti, di farsi ‘casa del pane’, terra di ospitalita'”. 

Nei passi di Giuseppe e Maria “vediamo le orme di milioni di persone che non scelgono di andarsene ma che sono obbligate a separarsi dai loro cari, sono espulsi dalla loro terra”. “Maria e Giuseppe, per i quali non c’era posto, sono i primi ad abbracciare colui che viene a dare a tutti noi il documento di cittadinanza”.