castelvetrano-carabinieri-2013

Segreto Giovanni e Segreto Domenico, padre e figlio palermitani rispettivamente di 40 e 20 anni, sono stati arrestati all’alba di venerdì dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano.

I due sono stati sorpresi mentre rubavano vario materiale da un’abitazione sita nelle campagne di contrada “La Petra”, a Gibellina. A scoprirli è stato il proprietario dell’abitazione che stava transitando in zona e che, accortosi della presenza dei due malviventi in casa, ha subito avvertito la centrale operativa dei carabinieri di Castelvetrano.

Quando si sono visti scoperti, padre e figlio hanno tentato una disperata fuga a bordo del loro furgone Fiat Daily ma sono stati raggiunti e fermati dopo alcuni minuti da una gazzella dell’Aliquota Radiomobile. A bordo del furgone è stata trovata refurtiva varia, tra cui 200mt di rete metallica, altri 100mt di cavo elettrico, un bidone contenente 30 litri di gasolio, una carriola ed una pompa d’acqua. Tutto il materiale è stato direttamente restituito al legittimo proprietario. Il furgone è stato invece sottoposto a sequestro.

I Segreto, accompagnati nella caserma di Castelvetrano, sono stati dichiarati in arresto per furto aggravato in concorso. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Sciacca, gli stessi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Nel corso dei servizi di controllo del territorio svolti a Castelvetrano nei primi giorni del mese, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno anche deferito in stato di libertà alla Procura di Marsala M.A., pregiudicato castelvetranese di 23 anni sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, non trovato in casa nel corso di un controllo notturno.

Un’altra denuncia è scattata, invece, nei confronti di A.N., pregiudicato mazarese di 27 anni, sorpreso per le vie di Castelvetrano alla guida di una Fiat Brava senza essere munito della prevista patente di guida, poiché mai conseguita. L’auto, intestata ad un tunisino, è stata sottoposta a sequestro amministrativo perché scoperta di assicurazione obbligatoria.

COMUNICATO STAMPA CC. CASTELVETRANO DEL 07.07.2014