I volontari della Croce Rossa Italiana – Comitato di Castelvetrano sono oggi impegnati nella campagna di sensibilizzazione a tutela del personale sanitario e dei volontari di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

La campagna denuncia il costante intensificarsi di attacchi agli operatori sanitari nei teatri di conflitto in tutto il mondo ma anche in “insospettabili” contesti come le città e le province italiane.

Tra le azioni promosse con la campagna “Non Sono un Bersaglio” c’è il lancio di un “Osservatorio” della Croce Rossa Italiana sulle aggressioni subite dai suoi operatori, con l’intento di censire i rischi legati al volontariato durante le attività svolte, evidenziare i contesti di maggior pericolo, fino ad arrivare all’elaborazione di proposte concrete.

A Castelvetrano, i Volontari della CRI saranno presenti all’interno del Centro Commerciale Belicittà sabato 16/02/2019. Dalle 16 alle 19 i Volontari porteranno tra la gente i temi della campagna con l’allestimento e il montaggio di spazi con simulazione di ospedale da campo devastato, somministrazione di questionari alla popolazione, attività di sensibilizzazione ed informazione.

“Ogni giorno – ha commentato Luigi Corsaro, Presidente della CRI Sicilia – i nostri Volontari sono sottoposti a rischio aggressione nei diversi interventi che svolgono a supporto dei vulnerabili. Sensibilizzare la popolazione è fondamentale, chi aggredisce un soccorritore spegne la speranza e reca un danno a se stesso, al volontario e a tutti i cittadini”.

Croce Rossa Italiana – Comitato di Castelvetrano

Staff Obiettivo 6 – “Sviluppo, comunicazione e promozione del volontariato”