Giorgio Ambrosoli è stato un avvocato italiano, nominato commissario liquidatore della Banca Privata Italiana e delle attività finanziarie del banchiere siciliano Michele Sindona. Ambrosoli fu assassinato l’11 luglio 1979 da un sicario ingaggiato dallo stesso Sindona.

A quaranta anni dall’assassinio “dell’eroe borghese”, la sua storia è raccontata in una docufiction che andrà in onda prossimamente su Rai 1 dal titolo Giorgio Ambrosoli – Il prezzo del coraggio, prodotta da Stad by me in collaborazione con Rai Fiction, si pone l’obiettivo di raccontare la storia esemplare di un uomo che amava la sua famiglia e il suo lavoro, che credeva nel significato della responsabilità e della legalità fino a metterle al di sopra della sua stessa sicurezza.

Ad interpretare il banchiere Sidona, l’attore castelvetranese Fabrizio Ferracane, che ha recentemente ricevuto il prestigioso riconoscimento ai Nastri d’Argento per la straordinaria interpretazione del film “Il Traditore” di Bellocchio.

Il punto di vista del racconto è quello del suo collaboratore più stretto, il maresciallo Silvio Novembre, voce fuori campo realizzata in fiction ispirata alle parole espresse dallo stesso Novembre nell’articolo “Le fatiche della legalità”, in cui ripercorre i momenti salienti di quell’avventura professionale e umana vissuta accanto ad Ambrosoli. La voce fuori campo è anche il trait d’union tra la ricostruzione in fiction – affidata all’interpretazione degli attori Alessio Boni, Claudio Castrogiovanni, Dajana Roncione, Fabrizio Ferracane – e il racconto documentaristico che si avvale di materiali di repertorio, documenti esclusivi e testimonianze inedite.

A cura di Cosetta Lagani per la regia di Alessandro Celli. Soggetto e Sceneggiatura di Pietro Calderoni, Laura Colella, Ivan Russo. Con Alessio Boni (Giorgio Ambrosoli), Claudio Castrogiovanni (Silvio Novembre), Dajana Roncione (Annalori Ambrosoli), Fabrizio Ferracane (Michele Sindona). Con la partecipazione di Umberto Ambrosoli. Direttrice della fotografia Maura Morales Bergmann.