Il Comitato civico Orgoglio Castelvetranese, in continuità con il lavoro portato avanti nelle ultime settimane, ha indetto per lunedì 3 Settembre, a partire dalle ore 18:00, presso i locali del “Circolo della Gioventù” siti nel Sistema delle Piazze , una riunione assembleare allargata alla presenza di Sindaci e rappresentanti di alcuni Comuni della Valle del Belice, nonché d infermieri e operatori sanitari in forza all’Ospedale di Castelvetrano e medici in quiescenza, ex dipendenti dello stesso Ospedale.

Il motivo della Assemblea sarà quello di illustrare il contenuto di dettagliata documentazione inerente lo stato del nosocomio Vittorio Emanuele II raccolta da fonti certe ed a cura del Comitato nelle ultime settimane. A parere del Comitato tale documentazione sarebbe in grado di dimostrare, a mezzo dei dati oggettivi raccolti, l’assoluta incongruenza del contenuto del recente decreto assessoriale della Regione Siciliana con cui si attuerebbe un drastico declassamento dell’Ospedale di Castelvetrano a vantaggio di altre strutture ospedaliere del territorio trapanese.

Come è noto è stata effettuata, ed è ancora in corso di effettuazione, una capillare raccolta di firme a Castelvetrano e nella Valle del Belìce, che ha prodotto finora la sottoscrizione da parte di circa 6000 persone interessate alla salvaguardia dell’Ospedale ed alla sua intitolazione “Ospedale Valle del Belìce”, azione di cui il Comitato si è fatto promotore.

La riunione, seppur riservata a tecnici ed operatori sanitari, sarà aperta anche al pubblico per tutti coloro che vorranno offrire una manifestazione di solidarietà o partecipare alla raccolta firme. Alla riunione sono stati invitati anche i componenti della Commissione Straordinaria ed a loro sarà fornita copia della documentazione in corso di elaborazione che dovrebbe anche sostenere un ricorso all’AGENAS (l’agenzia nazionale operante per il miglioramento delle prestazioni sanitarie) ed una opportuna segnalazione al Ministero della Salute.

Il portavoce del Comitato Civico
“Orgoglio Castelvetranese”