La “Festa della Donna” è solitamente associata alle giovani ed esuberanti donne che animano con la loro gioia le pizzerie, i cortei, le manifestazioni al femminile.

Ma il concetto di “donna”, racchiude in sè tanto altro: esperienza, equilibrio, passione; qualità di cui le depositarie sono quelle donne che non manifestano nelle piazze, o che si ritrovano nei locali.

Ecco perché oggi pomeriggio una delegazione al femminile del movimento civico “Castelvetrano Futura” assieme al consulente del Sindaco per la solidarietà sociale dott. Francesca Catania hanno deciso di ricordare questa giornata con le gentili ospiti della Casa di Ospitalità per indigenti “Tommaso Lucentini” di Castelvetrano.

festa delle donne-101

Alcuni ospiti del “Tommaso Lucentini” di Castelvetrano

Afferma la dottoressa Catania:

“ Il nostro esserci in questa giornata è, da parte mia, la conferma di un progetto per il sociale che abbraccia tutti e che ci fa partecipi di un percorso condiviso tra chi ha dato, chi continua a dare e chi darà il suo contributo per la comunità.

Queste donne sono madri, hanno avuto le loro battaglie di vita e si meritano di essere, anche oggi, al centro della nostra attenzione con tutto l’affetto e la gratitudine per il loro esempio”.

Le fa eco Arianna Maniscalco, presidente del movimento, che ha partecipato assieme al consigliere comunale Giusy Etiopia:

Ho sempre creduto nella ricchezza del passato, nell’importanza della memoria, nella visione che la storia è un grande puzzle scritto da ciascuno di noi, nel passato, nel presente e nel futuro. E’fondamentale ascoltare chi ha un vissuto maggiore del nostro e sicuramente queste donne possono raccontare tanto.

festa delle donne-100

Franca Catania riceve un quadro dal Sign. Lumia, uno degli ospiti del Tommaso Lucentini