Con la nomina di Chiara Modica Donà delle Rose ad assessore comunale alla cultura di Castelvetrano non sono mancate le prime polemiche politiche. Il movimento “Obiettivo città” non ha perso tempo per criticare la scelta fatta dal sindaco Enzo Alfano: «Abbiamo un Comune in dissesto, gli amministratori si decurtano le indennità, si decurtano i gettoni di presenza, ci sono problemi in tutti i settori del Comune, non si riesce a presentare un bilancio riequilibrato, e il sindaco cosa fa? Nomina due nuovi assessori a pagamento aumentando i costi del Comune» hanno scritto sulla pagina Facebook. Per i consiglieri di “Obiettivo città” «qualcosa non torna e sa tanto di marcio e di vecchia politica». La replica del neo assessore non è mancata ad arrivare. «Ho lavorato più di 5 mesi facendo tante iniziative e spendendo circa 6 mila e 500 euro di tasca mia – ha detto la Donà delle Rose – e poi, io faccio differenza rispetto agli altri?». Ancora Chiara Modica Donà delle Rose: «Ho fatto tanto di buono per la città di Castelvetrano, forse in tanti non sanno che ho pagato io l’occupazione del suolo pubblico per la notte in rosso…Dove sta il problema se ora sono assessore con un compenso?».