carabinieri-castelvetranoAnche quest’anno i Carabinieri del Comando Provinciale di Trapani, in occasione del ferragosto 2014, rispondono con un profondo impegno ed una massiccia presenza di militari e mezzi, intensificando i servizi di controllo del territorio e predisponendo un piano di sicurezza per gli abitanti della provincia ed per i turisti in transito, che da sempre decidono di trascorrere la lunga notte tra concerti, manifestazioni varie e discoteche all’aperto.

Tutti i reparti dell’Arma Provinciale sono stati impegnati nell’ambito dei rispettivi territori di competenza con una intensa attività di controllo che ha riguardato sia i centri urbani, interessati da una crescita esponenziale di presenze (soprattutto nella città di Trapani, considerato anche l’arrivo di tre navi da crociera), che le località balneari, di maggiore attrazione turistica, dove, anche nel passato sono stati organizzati i tradizionali, seppur vietati, falò in spiaggia che hanno provocato incendi con conseguenti danneggiamenti.

I servizi sono stati predisposti in un ottica sia di prevenzione per la salvaguardia dell’ordine e della sicurezza pubblica, che di repressione dei reati in genere ed in particolare contro il patrimonio.

Durante la notte tra il 14 ed il 15, sono state disposte oltre 80 pattuglie De numerosi posti di controllo nelle principali arterie stradali, con controlli della circolazione attraverso l’ausilio dell’etilometro,per contrastare l’abuso di sostanze alcoliche. Inoltre pattuglie di militari in abiti civili che si mescolano tra la folla, supportati da presidi fissi di militari in uniforme, hanno garantito che tutto si svolgesse nel rispetto della legge.

In circuito inoltre, le pattuglie dell’Aliquota Radiomobile che, operando in sinergia con la Centrale Operativa, hanno assicurato visivamente la percezione della sicurezza e risposto alle richieste di soccorso dei cittadini.

Circa 200 i militari impiegati , oltre 500 le persone controllate, più di 300 i veicoli fermati, oltre 40 contravvenzioni elevate.

Il dato rilevante è che, rispetto agli anni precedenti, non si è verificato alcun incidente con feriti gravi o danneggiamenti e si è riscontrato un calo drastico dei reati predatori.
Nel dettaglio sono state denunciate in stato di libertà 27 persone responsabili a vario titolo dei reati di: ricettazione, guida in stato di ebbrezza, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, guida senza patente perché revocata o mai conseguita, porto abusivo di armi o strumenti atti ad offendere, detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio (grammi 50 circa di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, sottoposta a sequestro). Sono state segnalate alla prefettura competente, ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90, 10 persone, di cui 3 minori, poiché, a seguito di perquisizioni veicolari e personali, venivano trovati in possesso complessivamente di 25 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

E infine sono stati sequestrati 3000 ricci e varie attrezzature di mare, con una sanzione per i contravventori di oltre 20.000 euro per infrazioni al codice navale, grazie all’intensa attività di vigilanza in mare delle Motovedette dell’Arma.

fonte. TP24