Secondo i dati Istat i pensionati in provincia di Trapani sono 105.806. E di questi quasi 3.000 vivono con una pensione con un importo bassissimo, intorno ai 249 euro. Ma c’è dell’altro: poco più di 13.000 vivono con una pensione mensile tra i 250 e 500 euro, mentre coloro che percepiscono una pensione tra 500 e 750 euro sono 23.563. Sono dati che preoccupano la segreteria Fnp Cisl Palermo-Trapani, pronta a ribadire che «cresce il disagio sociale per il quale è necessario dare risposte adeguate, sia in termini di politiche sociali sia con l’azione del volontariato».

«Chiederemo ai Comuni di mettere a disposizione delle associazioni di volontariato le strutture abbandonate nei vari centri e quartieri periferici, per portare avanti progetti e attività sociali sull’invecchiamento attivo, che migliorerebbero l’esistenza di tanti anziani e delle loro famiglie» spiegano dalla segreteria del sindacato. Dalla Cisl hanno assicurato l’impegno dei responsabili zonali di ascoltare le esigenze dei cittadini, facendosi interlocutori con le istituzioni locali per supportarle, nell’individuazione degli obiettivi strategici, l’utilizzo delle risorse nelle politiche sociali. Per il sindacato è anche necessario garantire «una sanità migliore, più diffusa sul territorio e rispondente alle esigenze di tante famiglie che vivono in zone più periferiche».