ASCOLTA L'ARTICOLO

Personale insufficiente che, spesso, è costretto a turni massacranti di lavoro e a svolgere il proprio servizio in condizioni precarie. È quello che in questi mesi il Vescovo di Mazara del Vallo monsignor Angelo Giurdanella ha potuto verificare nelle sue visite dentro gli ospedali del territorio diocesano: Mazara del Vallo, Salemi, Marsala, Castelvetrano e Pantelleria. Quanto visto è finito ora in una lettera che il Vescovo ha inviato al presidente della Regione Renato Schifani, all’assessore regionale alla salute Giovanna Volo e al Commissario straordinario dell’Asp Trapani Vincenzo Spera. «Ho avuto modo di apprezzare la grande dedizione e professionalità di medici, infermieri, OSS, personale ausiliario ed amministrativo, ma ho raccolto anche tanta sofferenza e tanta stanchezza per le condizioni precarie in cui il personale è costretto spesso a svolgere il proprio servizio già prima e durante il Covid e adesso in questa fase post-Covid. Ho ascoltato il grido di dolore di tanti che vedono naufragare il diritto alla salute. Sappiamo di dover partire da questo ascolto, umile e attento, che non ha risposte preconfezionate ma si lascia abitare dalle domande più profonde e insieme avviare processi buoni», ha scritto Giurdanella.

Dei sette presidi ospedalieri in provincia di Trapani, ben cinque sono quelli che ricadono sul territorio diocesano di Mazara del Vallo. Il Vescovo ha potuto appurare che «l’insufficienza di risorse umane e tecniche che sfianca non solo il loro servizio all’interno degli ospedali ma li segna profondamente anche nella loro vita personale e familiare, in quanto costretti a turni massacranti e, spesso, a dover rinunciare ai giorni di riposo o alle ferie». Nell’evidenziare il ruolo «prezioso» dei cappellani ospedalieri, il Vescovo ha, altresì, chiarito che «questa situazione, già protratta a lungo, non può ancora essere ulteriormente prorogata né tanto meno alleviata da vane promesse e rassicurazioni della politica». Da qui l’appello a Presidente della Regione, assessore e Commissario straordinario per «chiedere un ulteriore sforzo politico-amministrativo, al fine di adottare decisioni che mirino a potenziare i nostri presidi con risorse umane, tecniche e strumentali che porterebbero nuova linfa e implementerebbero la qualità dell’offerta sanitaria a favore dei pazienti ammalati e a creare un clima più sereno e collaborativo».

AUTORE.