La Squadra Mobile della Questura di Trapani, al termine di due giornate di escussioni testimoniali e di ulteriori approfondimenti investigativi, ha sottoposto a fermo di P.G. il cittadino straniero Ahmed Godze, 21 anni, nato in Ciad, gravemente indiziato dei delitti di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina aggravato e naufragio. Sulla base delle dichiarazioni delle persone ascoltate e degli ulteriori approfondimenti effettuati, il predetto era alla guida del gommone naufragato a largo delle coste libiche in data 11 novembre. Il natante di fortuna, soccorso dalla nave Ong “Open Arms”, aveva a bordo circa 120 persone, di cui 6 rimaste vittime del naufragio.

Nel corso delle attività investigative sono stati altresì raccolti anche elementi indiziari in ordine due cittadini sudanesi, coinvolti nel trasporto di migranti riconducibili ad altro evento Sar, in ordine ai quali sono in corso ulteriori approfondimenti.