ASCOLTA L'ARTICOLO

Nell’operazione della trasmissione del messaggio che il 25 dicembre porta con sé, la Scuola ha un compito fondamentale: veicolare i valori della Festa cristiana e permettere agli alunni di interiorizzarli e metterli in pratica. Tradizionalmente il 2° Circolo R. Settimo si muove sul territorio cittadino sposando le iniziative solidali gestite da Enti/Associazioni con finalità umanitarie e anche quest’anno la Comunità scolastica è lieta di celebrare il “Natale Solidale”, attraverso l’impegno sociale che anche i più piccoli sanno esprimere.
“Sei luce di Natale quando illumini con la tua vita il cammino degli altri con la Bontà, la Pazienza, l’Allegria e la Generosità”. (Papa Francesco).

Alla luce di questa riflessione, gli alunni, durante questo periodo, si sono preparati al meglio per essere più solidali e generosi verso gli altri e, accompagnati dagli insegnanti, sono stati chiamati a costruire e fare dei gesti concreti per migliorare il mondo che li circonda, seminando gioia e solidarietà!
Sensibilizzati sul tema del dono, inteso sia come gesto di generosità del donatore, sia come qualità interiore che rende ogni persona unica e speciale, hanno sostenuto la campagna di Natale “Cuori di cioccolato” della Fondazione Telethon, un simbolo di generosità per sostenere la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare. Oltre a finanziare la ricerca l’intento è anche quello di trasformarne i risultati in terapie accessibili a tutti i pazienti, affinché ogni bambino possa avere diritto a una cura.
Nell’ottica di un aiuto concreto alla Comunità, la Scuola ha scelto, altresì, di impegnarsi in prima linea organizzando una raccolta solidale, alla quale gli alunni, le famiglie, i docenti e il personale scolastico hanno aderito con generosità, magnanimità e gioia, dando prova di una grande bontà d’animo, con il desiderio di voler dare il loro sostegno a quelle famiglie che in questo momento stanno vivendo delle situazioni problematiche.
Inoltre, attraverso i percorsi a tema svolti dai bambini della scuola dell’infanzia( Noi tutti Angioletti, Noi tutti Babbo natale e Noi Tutti piccoli Elfi) e le rappresentazioni natalizie che hanno coinvolto gli alunni della scuola primaria, la Scuola ha ulteriormente determinato la sensibilizzazione a vivere il Natale aprendo le braccia al prossimo con l’adozione fattiva dei valori di accoglienza e solidarietà.
I percorsi e gli spettacoli di Natale, infatti, non hanno esaurito il loro compito in un’esibizione, ma sono diventati immensi contenitori di significati, simboli, idee, suggerimenti, principi, modelli di comportamenti, mezzi dalle enormi potenzialità per garantire l’apprendimento.
I temi trattati si sono ispirati ai valori della pace, della solidarietà, della famiglia, dell’inclusione sociale, dell’accoglienza, del rispetto per il prossimo, dell’amore che unisce i popoli della Terra
La Preside, prof.ssa Maria Luisa Simanella, ha detto: “ I nostri alunni hanno preso coscienza delle situazioni di difficoltà e hanno agito, per quanto loro possibile, in modo da promuovere il benessere dell’altro. Atteggiamento che ha consentito di far calare lo studio dell’educazione civica nella realtà e nella vita di ogni giorno. Come dirigente di questa Scuola sono profondamente orgogliosa di vivere e lavorare in una realtà tanto attenta agli altri, a chi ha bisogno, a chi vive momenti difficili e ringrazio di cuore i genitori, i docenti e l’intero personale scolastico per il sostegno continuo e costante che offrono alla Scuola e ai nostri alunni. Sono loro il nostro futuro, custodirli ed educarli , con esempi concreti, al rispetto e all’amore dell’altro è un dovere di noi adulti”.

AUTORE.