Nella meravigliosa cornice di Taormina, saranno consegnati ufficialmente questa sera i premi per il prestigioso concorso “Nastri d’Argento 2019”. Dopo lo straordinario successo a Cannes e nelle sale cinematografiche, “Il Traditore” di Marco Bellocchio si presentava alla prestigiosa kermesse cinematografica con 11 candidature (il film più candidato di sempre).

Con grande gioia per il regista e tutto lo staff il il film ha conquistato anche il sindacato giornalisti cinematografici che su 11 candidature ha consegnato per 7 premi tra i quali, quello come miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista e migliori attori non protagonisti. I nominativi dei vincitori sono già stati resi noti alla stampa nel pomeriggio.

Sul palcoscenico del Teatro Antico, oltre al maestro Bellocchio e lo straordinario Pierfrancesco Favino (che interpreta nel film Tommaso Buscetta), verranno premiati anche Fabrizio Ferracane e Luigi Lo Cascio che si contendevano il riconoscimento con Stefano Accorsi,  Alessio Lapice, Benito Urgu ed Edoardo Pesce.

L’attore castelvetranese nel ruolo di Pippo Calò è riuscito egregiamente ad interpretare un pezzo di malastoria del nostro Paese, distinguendosi per la sua carismatica rappresentazione del contabile di Cosa Nostra. In una intervista per una testata internazionale, aveva dichiarato: “Calò tradisce l’amicizia con Buscetta in maniera pesante, con un comportamento da vigliacchi. Ho lavorato per conferirgli una certa compostezza, una rigidità che poi ho trasportato sullo sguardo

I Nastri d’argento sono sempre di più un’occasione di forte richiamo anche per il pubblico, con grande visibilità per i titoli segnalati e premiati. Questo premio per Fabrizio Ferracane rende orgoglioso lo stesso attore, per i grandi sacrifici e l’enorme impegno nella sua professione, rende orgogliosa la sua famiglia ed i suoi amici, rende orgogliosa Castelvetrano dove Ferracane continua a proporsi per progetti di avviamento al meraviglioso mondo del teatro.