presepe castelvetrano

L’Associazione Culturale ‘A DISA , con il Patrocinio del Comune di Castelvetrano e il sostegno della Proloco, ha organizzato la 2^ edizione della Mostra Concorso “Il presepe a Castelvetrano” per valorizzare la suggestione e la straordinarietà del Natale, evento di una nascita che ha segnato profondamente il cammino dell’umanità.

L’iniziativa ha visto coinvolti artisti, singoli appassionati, associazioni e scuole, e i presepi realizzati hanno trovato posto anche quest’anno nelle cappelle laterali dell’ex Chiesa del Purgatorio.

In particolare uno dei Presepi è stato realizzato da un gruppo di giovani immigrati richiedenti asilo, attualmente ospiti de “La Locanda”, provenienti da diversi paesi Africani ed Asiatici come: Nigeria, Gambia, Senegal, e Pakistan. Molti di loro sono infatti Cristiani Pentecostali, Battisti, Ortodossi e frequentano la Chiesa Evangelica di Castelvetrano.

“Noi non abbiamo mai sentito parlare di ‘Presepe’, o ‘Nativity’ come si dice in Inglese. Non sapevamo cosa fosse. Quando ci è stato proposto, lo abbiamo accolto e cercato di fare del nostro meglio per realizzarlo. Abbiamo usato materiali poveri per raggiungere il nostro obiettivo, pietre dei dintorni e cassette di frutta.

Nella “Locanda” siamo tutti uomini di età compresa tra 20 e 30 anni. Questo è dovuto al fatto che le donne, i bambini e gli anziani hanno difficoltà ad affrontare le difficoltà di un tale viaggio. Chi lo fa va incontro a: rapimenti, prigione e torture SENZA alcuna ragione. Tuttavia, per le donne il viaggio è peggiore. Il genere femminile affronta un continuo stupro, schiavitù per il piacere sessuale (la tratta) e, purtroppo, la morte.”

Sono questi ragazzi che domenica sera, dalle 18,30 nel sistema delle Piazze (o in caso di pioggia dentro la Chiesa del Purgatorio), ci offriranno un momento di allegria ma anche di riflessione, con una serie di canti per il Natale che metteranno insieme la loro e la nostra tradizione.

Sono ragazzi che vanno ascoltati nelle loro proteste contro le lungaggini burocratiche che li costringono a rimanere nei Centri di accoglienza per lunghi periodi; ma che vanno ascoltati anche quando, come in questo caso, offrono la loro voce a un messaggio di speranza universale quale è quello cristiano del Natale.

Molte Associazioni di volontariato cittadine hanno aderito all’invito rivolto dall’Associazione ‘A Disa per incontrarsi in Piazza per l’occasione e lanciare, insieme all’Amministrazione comunale, un messaggio di un Buon Natale a tutta la cittadinanza.
Ricordiamo che all’interno del Purgatorio l’altare principale ospita l’installazione del Presepe meccanizzato di proprietà comunale curata dai soci dell’Associazione ‘A Disa coordinati dalla Dott.ssa Rosario Maria Passerini con la direzione artistica del Sig. Rosario Curiale; in particolare quest’anno sullo sfondo è stata inserita una riproduzione del tempio E di Selinunte realizzata dal Sig. Giovanni Pantaleo, ogni singola parte è stata valorizzata dall’impianto luci curato dal Sig. Domenico Asta, che ha utilizzato allo scopo la tecnologia led.

La “Mostra ” sarà aperta al pubblico sino al 6 Gennaio 2015 nelle ore pomeridiane dalle 17,00 alle 20,00; apertura mattutina il sabato e la domenica dalle 10,00 alle 13,00 .