“Dobbiamo rimettere al centro non l’illegalità, ma i diritti della persona e del cittadino”. Inizia così l’intervento del senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, oggi a Castelvetrano in visita istituzionale.

Per questo – ha aggiunto – oggi sono stato a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro, Comune sciolto per mafia nel 2017 e teatro, pochi giorni fa, di 27 arresti per diversi reati commessi da appartenenti ad una loggia massonica segreta che voleva influenzare la politica locale.

A breve questo Comune tornerà al voto ed i cittadini avranno l’opportunità di dare fiducia a chi la merita. Intanto però ho voluto ringraziare di persona gli straordinari uomini e donne dello Stato (i commissari ed i comandanti delle varie Forze dell’ordine) che vivono su un fronte pericoloso e spesso dimenticato, quello della lotta in prima linea, perché lo Stato deve rendere grazie a chi si sacrifica e si prodiga per le ragioni del bene collettivo.