Sabato 18 gennaio – alle ore 18 – presso la chiesa di San Domenico di Castelvetrano, don Giuseppe Undari celebrerà la santa messa nel 1° anniversario della morte dell’ex sindaco Gianni Pompeo. Medico stimato, per dieci anni sindaco della città, Pompeo morì lo scorso anno per un aneurisma addominale che non gli ha dato scampo. Dapprima il ricovero all’ospedale di Castelvetrano, dove per anni ha svolto servizio, poi il ricovero presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo, l’intervento chirurgico e una ripresa che non è mai più avvenuta.

La morte di Gianni Pompeo ha destato davvero tanta commozione tra i cittadini di Castelvetrano e fra quanti lo hanno conosciuto, per i suoi trascorsi in politica e nel campo sanitario. «Buio e gelo accompagnano la morte sulla terra – disse lo scorso anno nella sua Omelia per le esequie il Vescovo monsignor Domenico Mogavero, nella chiesa madre di Castelvetrano – perché l’uomo è stato creato per la vita e proprio l’uomo vivente è la gloria di Dio […] E buio fitto ha avvolto la morte di Gianni in un misto di sbigottimento e di impotenza. Una vita spezzata senza spiegazioni plausibili; un evento di fronte al quale sembra ci si sia dovuti arrendere perché troppo impari le forze in campo».

Mogavero, sempre nella messa per i funerali di Pompeo, ha fatto appello alla ricerca della luce, «quella luce, che può sembrare flebile ma non lo è, per dare un senso al non senso della morte. E la luce della fede, rafforzata dalla potenza dell’amore redentivo di Dio e dall’amore invincibile della moglie, della figlia e dei familiari e dalla stima e dall’affetto degli amici tutti continua a dare vita a chi ha lasciato questa terra: “non è qui, è risorto”».