ASCOLTA L'ARTICOLO

Gli alunni dell’IPSEOA “V. TITONE “di Castelvetrano, in occasione del 27 gennaio, data della liberazione dei prigionieri rinchiusi nel lager di Auschwitz, hanno organizzato una esibizione come momento finale di una attività didattica che li ha visti pienamente protagonisti.
Fuori, nel piazzale della scuola, le classi quinte hanno dato vita ad un flash mob: senza fare rumore, immobili, come “congelati” all’improvviso; negli occhi le immagini di orrore della Shoah , delle camere a gas, dei forni crematori; fermi ad ascoltare le toccanti note e parole della canzone di F. Guccini “Il bambino nel vento”; tra le mani un volantino a memoria di un pigiama a righe. La mente ed il cuore al di là.
Un lungo e fragoroso applauso ha rotto la surreale atmosfera creatasi; immediatamente poi tutti sono ritornati alle consuete attività, ben ed ancor più consapevoli del diritto-dovere del non perdere il passato per non perdere il futuro.

L’iniziativa ha consentito un momento importante di crescita umana e civile. “Infinitamente grazie “cosi gli alunni alla Dirigente scolastica dott.ssa Rosanna Conciauro che ha permesso la realizzazione dell’evento. “Mille volte grazie” ai docenti che hanno contribuito e agli alunni dell’istituto per la partecipazione attiva e responsabile. “Son morto con altri cento. Son morto ch’ero bambino. Passato per il camino e adesso sono nel vento “: le figure evocate dal brano musicale insieme a quelle evocate dalla parola “Shoah” hanno lasciato una traccia indelebile nella memoria di tutti i partecipanti alla performance.

AUTORE.