johnny ingrasciotta

Si svolgerà lunedì 5 gennaio, presso il Teatro Selinus di Castelvetrano, l’evento “Mi ricordo di te” organizzato dall’associazione Il sorriso di Johnny.

Il 15 ottobre del 2011, Giuseppe Ingrasciotta, da tutti conosciuto come Johnny, veniva strappato dall’affetto dei suoi cari a causa di un brutto incidente. L’evento al Selinus che vede la partecipazione di diversi artisti castelvetranesi come Sade Mangiaracina, Fabrizio Ferracane, Gaspare Nastasi, Deborah Messina, Vitalba Sciacca, Ermelina Palmeri ed altri ancora, vuole essere un momento musicale per la memoria dell’amico Giuseppe.

All’ingresso verrà chiesto un contributo per un progetto realizzato da Franca Lentini, madre di Johnny, che prevede la realizzazione di un orfanotrofio in Kenya.

Ecco le parole della signora Franca:

Durante i mesi estivi del 2013 io ed alcuni soci dell’associazione abbiamo avuto modo di conoscere Padre John un prete originario del Kenya e precisamente della Diocesi di Embu. Parlando delle condizioni del suo paese abbiamo capito i disagi in cui versano tanti bambini e la povertà che esiste in quel paese.

Dopo una conversazione telefonica avuta con il Vescovo della Diocesi di Embu Monsignore PAUL KARIUKI abbiamo deciso di appoggiare l’iniziativa intrapresa dal Vescovo: “la costruzione di un orfanotrofio ad Embu”.

Si tratta di un progetto importante finalizzato ad aiutare gli orfani e i bambini bisognosi. I bambini avranno l’opportunità di ricevere una formazione basilare, sostenuta dalla Diocesi di S.PIETRO e PAOLO, nella scuola primaria e staranno nell’orfanotrofio accanto alla scuola.

Il Vescovo di Embu e lo staff sosterranno questo progetto e mobilizzeranno i Cristiani di Embu nel supportare la realizzazione della prima fase del progetto.

L’associazione si prefigge di sostenere una parte di questo nobile progetto e confida nel vostro cuore caritatevole volto a sostenere i bambini poveri e bisognosi del Kenya affinché anche loro possano ritornare a sorridere.

Grazie per la vostra disponibilità e vi abbraccio con affetto, Mamma Franca