gruppo 6gdoI camion di Matteo Messina Denaro sono stati consegnati ai Vigili del Fuoco: a darne notizia è il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia.

Ancora un bel risultato dell’Agenzia Nazionale per i beni sequestrati e confiscati, diretta dal Prefetto Postiglione.

Esprimo soddisfazione e gratitudine per il lavoro dell’Agenzia – prosegue Mattiello, relatore della riforma del Codice Antimafia nella parte che riguarda le misure di prevenzione e la riforma dell’Agenzia per i beni sequestrati e confiscati – che oggi ha raggiunto un risultato importante: circa 600 nuove destinazioni, di cui 390 immobili agli Enti Locali, 40 allo Stato, 154 mobili, tra cui i 33 camion del sequestro 6Gdo.

Questo positivo risultato dell’Agenzia che il Prefetto Postiglione dirige giusto da un anno, mette per contrasto ancora più in evidenza l’urgenza della riforma che ha l’obiettivo di potenziare e migliorare gli strumenti attraverso cui si passa dal sequestro alla destinazione. Riforma la cui responsabilità sta nelle mani del Governo e del Parlamento.

Oggi il sistema è come quegli acquedotti bucati che perdono per la strada molta acqua preziosa. Troppe sono le aziende che chiudono. Anche la 6gdo, confiscata definitivamente il 7 Ottobre 2013, verrà dichiarata fallita il 10 Giugno 2014, eppure quella era una catena di negozi veri: non erano lavatrici per il denaro sporco.

I motivi di questi sprechi vanno ricercati in tutta la filiera istituzionale: tribunali, amministratori giudiziari, Agenzia nazionale beni sequestrati e confiscati, Enti Locali, e vanno ricercati nella inadeguatezza delle risorse strumentali e delle norme che si devono adoperare. Insomma, bene che quei camion da oggi servano ai Vigili del Fuoco, ma sarebbe stato meglio se avessero continuato a servire i negozi Despar

fonte. ANSA