ZANCANA Castelvetrano

Spettacolo indimenticabile lo scorso sabato al Parco Archeologico di Selinunte con le musiche dello storico compositore George Gershwin interpretate dal maestro Stephen Vaglica, candidato ai Grammy, Oscar Mondiale della musica e l’OSN Etna Philarmonica, diretta da Vincenzo Di Mauro.

Nel corso della serata si sono esibiti anche il pianista Daniele Petralia e il trio composto dal tenore leggero Maurizio Indelicato, il chitarrista Vito Giammariaro e la ballerina Akiram Misciaci. Madrina della serata sarà Elisa Modica, direttore artistico Ignazio Maria Francesco Graziano, regia di Elio Ferraro.

Il maestro Vaglica è uno dei musicisti americani più affermati nel panorama internazionale ed è stato un grande privilegio per chi ha partecipato all’evento, poter assiste alla sua esibizione ai piedi del meraviglioso Tempio di Hera a Selinunte. Uno straordinario evento organizzato dal Kiwanis Club di Castelvetrano, sotto la presidenza di Lorenzo Russo.


Per meglio comprendere le emozioni di questa serata, vorremmo portare l’attenzione dei lettori sulle parole di ‎Maria Lisma‎ che così racconta la performance musicale: “E non capisci più se venga fuori dal pianoforte o se proprio nasca dalle dita, dalle mani, dai polsi. Come se sia raccolta da sempre in quei tendini, in quelle falangi e poi, per incanto, al solo contatto con la tastiera, si srotoli e diventi quello per cui, fin dall’origine, é stata creata. Lei, come per magia, per stupore, per meraviglia, si schiude e, per miracolo, il silenzio diventa MUSICA.

E non servono sottotitoli, non serve traduzione: l’anima si lascia fecondare dalla bellezza, dall’arte, dalla supremazia dell’umana magnificenza.

Se ne ricordassero gli uomini della bellezza di cui sono capaci e non cedessero alla disumanità!
E dunque nasce musica. Ed è impeto, passione, leggerezza, profondità, tenerezza e tormento. Tutto passa da quelle dita. E il tempo supera la storia e diventa Eternità.

Grazie Stephen, grazie perché nel suonare sotto il banco di scuola, c’era già il tuo destino, e io e tanti come me, ne abbiamo fatto parte, anche solo per un tratto di strada.

E grazie ai tuoi compagni, il maestro Daniele Petralia, la giovane OSN Mascalucia Etna Philarmonic diretta dal maestro Di Mauro.

E grazie al cielo per averci offerto, spettacolo nello spettacolo, un tramonto stupendo e un tappeto di stelle, e agli uomini che prima di noi hanno innalzato con fatica colonne che sfioravano l’infinito e che hanno dimenticato di essere pietre diventando, esse stesse, emozioni.